23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.50
Palermo

Non chiara causa del decesso, indagano i carabinieri

Giallo a Palermo: clochard trovato morto con ferite alla testa

17 Dicembre 2018

Un clochard, di cui al momento non si conosce l’identità, è morto sotto i portici di piazzale Ungheria a Palermo. Ad accertarne il decesso sono stati medici del 118.

L’uomo, intorno alle 4:30, è stato trovato sanguinante con una ferita alla testa, ma non è stato possibile stabilire se sia dovuta a una caduta o se sia stato colpito. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi e le indagini del caso.

Il clochard morto si chiamava Aid Abdellah 58 anni. Era un pittore francese senza fissa dimora che dormiva appunto a piazzale Ungheria. Tutti lo conoscevano con il nome di Aldo compresi i volontari dell’associazione Angeli della Notte. L’uomo ha una profonda ferita alla fronte. Si attende l’arrivo del medico legale per stabilire le cause del decesso e l’ora.

AGGIORNAMENTO ORE 13:00

L’ispezione del medico legale sul corpo del 58enne non ha permesso di stabilire se il 58enne pittore francese senza fissa dimora sia stato vittima di un omicidio o il suo decesso sia stato causato da una caduta accidentale. Il sostituto procuratore Daniele Sansone, che coordina le indagini e titolare dell’inchiesta, ha disposto l’autopsia.

Una giovane impiegata che ha lanciato l’allarme racconta di avere visto il giaciglio messo a soqquadro e il portafoglio aperto. L’uomo aveva un cellulare e non si sa ancora se sia stato trovato. Carabinieri stanno acquisendo tutte le immagini nella zona per cercare di ricostruire cosa sia successo.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.