15 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

Non chiara causa del decesso, indagano i carabinieri

Giallo a Palermo: clochard trovato morto con ferite alla testa

17 dicembre 2018

Un clochard, di cui al momento non si conosce l’identità, è morto sotto i portici di piazzale Ungheria a Palermo. Ad accertarne il decesso sono stati medici del 118.

L’uomo, intorno alle 4:30, è stato trovato sanguinante con una ferita alla testa, ma non è stato possibile stabilire se sia dovuta a una caduta o se sia stato colpito. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi e le indagini del caso.

Il clochard morto si chiamava Aid Abdellah 58 anni. Era un pittore francese senza fissa dimora che dormiva appunto a piazzale Ungheria. Tutti lo conoscevano con il nome di Aldo compresi i volontari dell’associazione Angeli della Notte. L’uomo ha una profonda ferita alla fronte. Si attende l’arrivo del medico legale per stabilire le cause del decesso e l’ora.

AGGIORNAMENTO ORE 13:00

L’ispezione del medico legale sul corpo del 58enne non ha permesso di stabilire se il 58enne pittore francese senza fissa dimora sia stato vittima di un omicidio o il suo decesso sia stato causato da una caduta accidentale. Il sostituto procuratore Daniele Sansone, che coordina le indagini e titolare dell’inchiesta, ha disposto l’autopsia.

Una giovane impiegata che ha lanciato l’allarme racconta di avere visto il giaciglio messo a soqquadro e il portafoglio aperto. L’uomo aveva un cellulare e non si sa ancora se sia stato trovato. Carabinieri stanno acquisendo tutte le immagini nella zona per cercare di ricostruire cosa sia successo.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il ragazzo con la valigia

Non era più l’istruzione a far da discriminante nel mettere le valige in mano ai giovani. Era l’ottusità di certe politiche e l’incapacità di questa terra nel costruire un futuro migliore a spingere i giovani ad andare via.