Giallo a Palermo: clochard trovato morto con ferite alla testa :ilSicilia.it
Palermo

Non chiara causa del decesso, indagano i carabinieri

Giallo a Palermo: clochard trovato morto con ferite alla testa

di
17 Dicembre 2018

Un clochard, di cui al momento non si conosce l’identità, è morto sotto i portici di piazzale Ungheria a Palermo. Ad accertarne il decesso sono stati medici del 118.

L’uomo, intorno alle 4:30, è stato trovato sanguinante con una ferita alla testa, ma non è stato possibile stabilire se sia dovuta a una caduta o se sia stato colpito. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi e le indagini del caso.

Il clochard morto si chiamava Aid Abdellah 58 anni. Era un pittore francese senza fissa dimora che dormiva appunto a piazzale Ungheria. Tutti lo conoscevano con il nome di Aldo compresi i volontari dell’associazione Angeli della Notte. L’uomo ha una profonda ferita alla fronte. Si attende l’arrivo del medico legale per stabilire le cause del decesso e l’ora.

AGGIORNAMENTO ORE 13:00

L’ispezione del medico legale sul corpo del 58enne non ha permesso di stabilire se il 58enne pittore francese senza fissa dimora sia stato vittima di un omicidio o il suo decesso sia stato causato da una caduta accidentale. Il sostituto procuratore Daniele Sansone, che coordina le indagini e titolare dell’inchiesta, ha disposto l’autopsia.

Una giovane impiegata che ha lanciato l’allarme racconta di avere visto il giaciglio messo a soqquadro e il portafoglio aperto. L’uomo aveva un cellulare e non si sa ancora se sia stato trovato. Carabinieri stanno acquisendo tutte le immagini nella zona per cercare di ricostruire cosa sia successo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin