24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32

La riflessione

Renzi come Schettino, il capitano abbandona la nave del PD

25 Ottobre 2017

 

Mentre in Sicilia infuria la campagna elettorale, il segretario del Pd sta a bordo di un treno, forse nelle Marche, forse altrove. Ma non in Sicilia. Avrà sbagliato treno.” Questo è quello che scrive in un post un nume tutelare della Sinistra italiana, Emanuele Macaluso.

Ed in effetti è un pò strano: Matteo Renzi parte in un giro per l’Italia in treno, con l’intento ovvio di acquistare consensi, in pratica un tour elettorale, e salta l’unica regione che è nel vivo di una campagna elettorale.

Il segretario del PD arriva in Calabria, tocca Reggio sulle sponde dello Stretto, e fa una brusca inversione a U dirigendosi a nord, come se oltre quelle acque si celassero pericolose minacce politiche.

E probabilmente la ragione vera è proprio questa: Renzi non viene in Sicilia perché sa che le elezioni del 5 novembre vedranno una débâcle del suo partito e non ci vuole mettere la faccia.

Ma un leader vero non si comporta come Schettino, resta a bordo della nave, anche se affonda.

Lasciando oltretutto con un palmo di naso il candidato del centrosinistra Micari che qualche giorno fa a proposito della venuta di Renzi in Sicilia dichiarava: “L’ho sentito stamattina al telefono, era in treno verso Matera, altra tappa di questo straordinario viaggio che sta facendo e che ha chiamato ‘Destinazione Italia’ e mi ha confermato che farà tappa qui.”

Povero Micari!

Ma non è l’unico esponente del PD a deludere il docente palermitano. “La questione dei porti di Messina e Milazzo va rivista. Ne parleremo col ministro Delrio”, dichiarò in maniera assertiva Micari a fine settembre, a proposito della soppressione dell’Autorità portuale di Messina.

Non sappiamo se gliene abbia poi parlato. Se lo ha fatto è stato poco convincente, visto che Delrio non solo glissa sull’argomento, ma evita Messina come la peste, nonostante stia girando in campagna elettorale tutti gli angoli della Sicilia, considerato il comprensibile disappunto della città per le recenti scelte del Governo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.