18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Palermo

appuntamento venerdì 5 aprile

Gianni Gebbia in concerto per la rassegna “Musiche senza confini”

1 Aprile 2019

Il sassofonista palermitano Gianni Gebbia nell’ambito della rassegna “Musiche senza confini”, venerdì 5 aprile alle ore 21.30, al Cre.zi.Plus dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, presenterà un suo solo basato su composizioni pubblicate nel 1987, tratte dal suo primo disco d’esordio che di recente è stato oggetto di particolare attenzione da parte di numerosi musicisti e discografici.

Un disco il cui titolo rimanda solo al nome del musicista, divenuto conosciuto anche grazie al brano “vedersi passare le cose attorno”. Alcuni passaggi del disco, nel corso degli anni sono stati riscoperti e risuonati anche da celebri dj come Carl Craig, e a distanza di trentadue anni dalla sua prima uscita, l’etichetta inglese Utopia, in collaborazione con la Phonica Records, sta ristampando questo lavoro anche in versione vinile.

Lo registrai a Palermo in versione solo, al sax e tastiere elettriche – spiega Gianni Gebbia – fu il mio primo disco d’esordio che mi ha consentito di divenire un po’ il vintage di me stesso”.

Per la rassegna Musiche senza confini, Gebbia eseguirà brani con le basi originali di questo disco più assoli recenti.

gebbiaIl concerto spazierà dal jazz alla word music, all’elettronica low fi e all’improvvisazione. Il sax soprano si mescolerà a sonorità elettroniche che ne riplasmano il suono e, in una dimensione solitaria, ridefiniscono melodie ed atmosfere oniriche.

Gebbia non è nuovo a queste esperienze sonore, dato che la sua ricerca affronta spesso anche questi momenti solistici “a nudo” – spiega Mario Crispi, direttore artistico della rassegna – il suo linguaggio musicale, dispone l’ascoltatore verso un viaggio sonoro imprevedibile, proprio come l’esplorazione acustica di luoghi sconosciuti”.

L’intento della rassegna Musiche senza confini, è quello di raccogliere e suggerire proposte musicali nazionali ed internazionali che declinano una musica di ispirazione non solo mediterranea, ma essenzialmente con un approccio che spazi dalla ricerca nell’ambito della miscela di stili, alla composizione originale con le più svariate influenze e l’uso di tecnologie tradizionali e moderne in relazione a culture che hanno attraversato la Sicilia e il Mediterraneo. I prossimi appuntamenti saranno giovedì 18 aprile con il musicista elettronico Alfredo Giammanco e venerdì 3 maggio con il violinista Mario Bajardi.

Ingresso con consumazione

CRE.ZI. PLUS Via Paolo Gili n° 4, 90138  – Padiglioni 10 e 11 ai Cantieri culturali alla Zisa.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.