Giardini Naxos, il sindaco: "Tanti hotel in difficoltà, effetto domino sul commercio" :ilSicilia.it
Messina

la crisi nella seconda meta turistica siciliana

Giardini Naxos, il sindaco: “Tanti hotel in difficoltà, effetto domino sul commercio”

di
10 Giugno 2020

Il dopo lockdown è sempre più all’insegna della crisi economica nelle mete turistiche di tutta Italia e non fa eccezione Giardini Naxos, la seconda stazione turistica siciliana stretta nella morsa di tante difficoltà in vista dell’estate che sta iniziando.

«Ho avuto modo di confrontarmi con gli albergatori – ha spiegato il sindaco Nello Lo Turco – e le strutture ricettive che riapriranno, quest’estate non riusciranno a lavorare oltre il 30 o 40% al massimo di potenzialità rispetto agli anni passati. La clientela al momento è poca, sono poche le prenotazioni e la crisi si fa sentire. È questa la principale fonte di preoccupazione in vista della stagione turistica. Nonostante tutte le difficoltà, alla fine i bar, i ristoranti e i lidi, in qualche modo, potranno lavorare e almeno nei mesi di luglio e agosto recupereranno un po’ di quanto è stato perso sino a questo momento. Diverso è il discorso degli alberghi, che devono fare i conti con le disdette delle prenotazioni, con la chiusura delle frontiere che soltanto adesso stanno riaprendo ma in un clima di incertezza che permane e piuttosto “a singhiozzo”. A cascata, se non lavoreranno le imprese alberghiere, i problemi si rifletteranno sui negozi, sulle escursioni, sui tassisti e su vari comparti importanti della nostra industria turistica».

Nello Lo Turco
Nello Lo Turco

«Bisogna sperare che ci sia un’inversione di tendenza o si andrà incontro a un’estate di grande sofferenza, oltre quella che è già la piena consapevolezza del momento», ha aggiunto il primo cittadino.

Rimane l’incertezza, infine, su quella che sarà la gestione delle spiagge libere, dove c’è la necessità di contrastare il rischio di diffusione del virus, andando ad evitare assembramenti e quindi di far mantenere il cosiddetto distanziamento sociale. Ma il Comune non ha la forza per poter gestire e monitorare, non avendo le necessarie economiche per disporre un servizio di vigilanza delle aree mediante i bagnini.

Dovrebbe essere la Regione Siciliana a farsi carico di questa problematica e, quindi, di supportare il comune naxiota, al pari degli altri centri turistici, ma ad oggi non sono arrivati segnali risolutivi in tal senso.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin