"Giardino della Memoria": a San Giuseppe Jato parte il progetto per riscoprire il territorio | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

“Giardino della Memoria”: a San Giuseppe Jato parte il progetto per riscoprire il territorio | FOTO

di
23 Marzo 2021

GUARDA L A GALLERY IN ALTO

La Valle dello Jato, le sue comunità e le sue risorse diffuse, saranno valorizzate e riattivate verso una nuova prospettiva di turismo integrato a partire dalla riqualificazione di un elemento simbolo della lotta alla mafia. Prende così ufficialmente avvio il progetto “Dalla memoria un percorso verso il futuro: il nuovo Giardino della Memoria, da bene confiscato alla mafia a centro propulsivo per la valorizzazione territoriale e il turismo integrato della Valle dello Jato”, iniziativa cofinanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dell’Avviso “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici 2018”. Le attività saranno condotte da un partenariato che vede il Gruppo Archeologico Valle dello Jato e il Comune di San Giuseppe Jato insieme per riqualificare il Giardino della Memoria, attivare laboratori con la cittadinanza e animare percorsi di valorizzazione turistica.

Il progetto analizza il presente e il passato di un luogo simbolico del territorio, tristemente collegato alla terribile uccisione per mano mafiosa del piccolo Di Matteo, e guarda al futuro per riconfigurarlo come spazio per il riscatto della Valle dello Jato. Saranno quindi attivati laboratori per il coinvolgimento delle comunità locali, in particolari giovani e associazioni, offrendo percorsi formativi gratuiti incentrati su competenze concrete per lo sviluppo di imprese, il marketing territoriale e il turismo integrato. Attività fortemente connesse alla sfera digitale e a nuovi strumenti e linguaggi, stimolando i partecipanti a reinterpretare il territorio ed acquisire capacità tecniche utili per avviare processi di sviluppo socio-economico.

Attraverso un percorso partecipato, il Giardino della Memoria di San Giuseppe Jato, sarà riqualificato e riattrezzato così da diventare un polo attrattivo per la cittadinanza, ma anche per i turisti. Rispettando il suo ruolo simbolico, si trasformerà in una vetrina per scoprire il territorio e le sue risorse culturali, archeologiche, ambientali e produttive. Saranno così attivati nuovi sistemi e percorsi turistici legati alle attrazioni territoriali avviando relazioni fra imprese e associazioni del comprensorio. “Il Giardino sarà oggetto di un intervento di progettazione partecipata degli spazi per riconfigurarlo come giardino storico rappresentativo dell’identità culturale del territorio – afferma Antonio Alfano, presidente del Gruppo Archeologico – il tutto contribuirà a rafforzare il senso di appartenenza della collettività e innestare nuovi processi di sviluppo connessi alle reali potenzialità della Valle dello Jato.”

Tra i soggetti coinvolti non mancherà il contributo dell’associazione “LiberEssenze” e del presidio di Libera Valle Jato, che da diversi anni ormai hanno fatto del Giardino un luogo di memoria viva, ricordando la tragica storia di Giuseppe Di Matteo e degli altri bambini vittime delle mafie, attraverso visite guidate e laboratori che hanno coinvolto in particolare le scuole del territorio e i partecipanti ai campi di “EstateLiberi”. “ La nostra adesione al progetto – dichiara la presidente di “LiberEssenze “, dott.ssa Antonina Caradonna – intende dare continuità al percorso già avviato, evidenziando la centralità dei processi di emancipazione dal fenomeno mafioso, che ci permettono oggi di trasformare un luogo di morte in un centro di rinascita e riscatto per una valle a lungo sottomessa al potere malavitoso”.

Il Giardino della Memoria, sarà quindi un nuovo spazio per l’innovazione sociale e della comunità. “Con l’attivazione di questo progetto – dichiara Salvatore Graziano, commissario straordinario del Comune di San Giuseppe Jato – sarà finalmente posta l’attenzione dovuta a questo luogo simbolico che procura forti emozioni e momenti di riflessione. Si punterà così alla cittadinanza attiva e al rilancio del territorio con un progetto suggerito dall’amministrazione. Quando questa è operativa i risultati si concretizzano in ottime iniziative.”

Le attività vedranno, sin dalle prime battute, il coinvolgimento della comunità attraverso un seminario di presentazione e l’avvio di una fase di progettazione condivisa da sviluppare online. L’iniziativa punta così al più ampio coinvolgimento di giovani e associazioni locali, così da innescare un impatto concreto per il rilancio e l’innovazione socio-economica della Valle dello Jato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin