Gibellina: l'omaggio delle Orestiadi alla grande coreografa Pina Bausch | FOTO :ilSicilia.it
Trapani

diversi momenti artistici in programma

Gibellina: l’omaggio delle Orestiadi alla grande coreografa Pina Bausch | FOTO

di
31 Luglio 2019
Pina Bausch

SCORRI LE FOTO IN ALTO 

Trent’anni fa Palermo non era quella di oggi, nel bene e nel male: apparentemente identica, immutata, in realtà pronta ad un cambiamento, culturale e sociale, che passò attraverso gesti simbolici, anche artistici.

Uno tra quelli che rimane, da allora, nel ricordo di molti fu il momento iniziale dello spettacolo “Palermo Palermo” della coreografa tedesca Pina Bausch: cadeva un muro di mattoni sul palcoscenico generando macerie e polvere, metafora perfetta di una città che sentiva di dover risorgere.

A dieci anni dalla scomparsa di Pina Bausch, e a trenta dalla prima edizione dello spettacolo, le Orestiadi di Gibellina le dedicano un omaggio articolato in più momenti.

Sabato 3 agosto, alle ore 19, verrà inaugurata al Baglio di Stefano la mostra fotografica “Macerie e tacchi a spillo. E cadde un muro… Palermo Palermo 1989/2019” di Piero Tauro, che da decenni si occupa di fotografia di scena. L’esposizione, realizzata in collaborazione con il Teatro Biondo che la ospiterà ad ottobre, rimarrà al Baglio fino al 30 settembre.

L’omaggio proseguirà il 10 agosto, ore 19 al Cretto di Burri, con “Pina“, performance corale di otto danzatori siciliani in assolo (Amalia Borsellino, Luigi Geraci Vilotta, Silvia Giuffrè, Simona Miraglia, Giuseppe Muscarello, Giovanna Velardi, Patrizia Veneziano, Valeria Zampardi), sparsi sulle isole del Grande Cretto, musiche dal vivo di Gianni Gebbia e una coreografia finale che aderisce al progetto promosso dalla Pina Bausch FoundationDANCE! The Nelken-Line” (ingresso 5 euro).

La performance “The Nelken-Line” sarà il risultato conclusivo del percorso laboratoriale e creativo, condotto da Simona Miraglia con la partecipazione del Collettivo SicilyMade, aperto a giovani danzatori siciliani e non solo, che si svolgerà a Gibellina i giorni 8 e 9 agosto, finalizzato allo studio dei movimenti della coreografia originale di Pina Baush, attraverso la relazione con la particolarità del Cretto.

La coreografia finale sarà aperta anche a chiunque volesse unirsi nel ricordare la coreografa direttamente al Cretto, così come previsto dal progetto della Foundation; il video realizzato sarà, inoltre, visibile sul sito dedicato al progetto.

La serie di eventi, produzione esclusiva per Orestiadi 2019, è stata realizzata in collaborazione con la  Sovrintendenza per i Beni culturali e ambientali di Trapani, Teatro Biondo di Palermo e Terzo Millennio progetti artistici.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin