Gibellina: nell'ex Chiesa di Santa Caterina aprirà il "Museo del Grande Cretto" :ilSicilia.it
Trapani

imponente opera di land art di Alberto Burri

Gibellina: nell’ex Chiesa di Santa Caterina aprirà il “Museo del Grande Cretto”

di
22 Maggio 2019

A testimonianza dell’importanza artistica, e soprattutto sociale e antropologica, che ebbe la realizzazione dell’opera artistica di Alberto Burri a Gibellina, verrà inaugurato, venerdì 24 maggio alle 17,30, il “Museo del Grande Cretto“, all’interno dell’ex Chiesa di Santa Caterina, edificio risparmiato dal terremoto.

Il progetto museale, voluto dall’amministrazione comunale guidata da Salvatore Sutera, ideato e curato dall’assessore alla Cultura Tanino Bonifacio, ha portato alla realizzazione di un ampio apparato museografico costituito da fotografie, documentazioni storiche, plastici e proiezioni che raccontano la nascita e la genesi del Grande Cretto, l‘enorme sudario bianco di calce che ricopre interamente le macerie del vecchio paese distrutto dal terremoto del 1958, considerato la più grande opera di Land Art al mondo.

Cretto

Era necessario – ha dichiarato Bonifacio – immaginare un luogo che spiegasse il significato di quest’opera, il suo significato profondo. Il Cretto è un luogo di narrazione e conoscenza dove c’era vita, oggi c’è conservazione di memoria: prima era tabernacolo di morte oggi sacrario che genera vita“.

Vogliamo dare un’idea, a quanti non lo conoscessero, della proporzione dell’intervento artistico di Burri: il Grande Cretto misura 300 metri per 400 ed composto da 122 isole, per un totale di 86 mila metri quadrati di scultura.

Diverse le sezioni narrative proposte dal Museo: “Gibellina prima del terremoto del 1968″, “Dalla tragedia alla rinascita” e poi l’ampia sezione dedicata alla “Nascita del “Grande Cretto e i suoi progetti”.

A conclusione del percorso il Museo propone uno “spazio video” con la proiezione di due opere dedicate al Grande Cretto, quella di Petra Noordkamp, presentata nel 2015 dal Guggenheim Museum di New York, in occasione della grande retrospettiva dedicata a Burri “The Trauma of Painting“, e il cortometraggio “Alberto Burri, la vita nell’Arte” (2011) di Davide Gambino e Dario Guarneri, una produzione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.

Gibellina

Di particolare importanza è la donazione al Comune di Gibellina di due acquerelli raffiguranti il Cretto, opere realizzate nel 1992 dal Maestro Gianbecchina, donati da Alessandro Becchina presidente dell’Archivio Gianbecchina.

L’inaugurazione del nuovo Museo sarà preceduta da una performance sul Grande Cretto con circa ottocento studenti dell’Istituto Comprensivo “G. Garibaldi e Giovanni Paolo II” di Salemi-Gibellina che, a conclusione della “Settimana della Legalità“, realizzeranno una performance con coreografie, frammenti musicali e un testo di Ignazio Buttitta.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro