Gigi Mangia e l'arancina. È lei lo Stupor Mundi... E c'è anche la Cuccìa :ilSicilia.it
Catania

Indiscutibilmente "femmina" la pietanza di Santa Lucia

Gigi Mangia e l’arancina. È lei lo Stupor Mundi… E c’è anche la Cuccìa

di
12 Dicembre 2017

Gigi Mangia racconta l’arancina secondo… Gigi Mangia.

E’ arrivata Santa Lucia, la Santa della Luce, la Vergine Martire Siracusana che ha sedotto e affascinato finanche i glaciali Svedesi e con Lei riprende forza l’annosa diatriba tra Arancina e Arancino.

Arancina Damare secondo Gigi Mangia
Arancina Damare secondo Gigi Mangia

Non me ne vogliate: non ne posso più! l’arancino nacque il 13/12/1647: era riso cotto, amalgamato con miele e aveva un ripieno di cioccolato, la sua forma era simile a quella dell’Arancino catanese odierno, era uno dei tanti dolci votivi dedicati alla Santa dai Siciliani riconoscenti per lo scampato pericolo della carestia, che proprio un anno prima, in quello stesso giorno, era stato scongiurato dall’attracco di un bastimento carico di grano nel porto di Siracusa.

La storia delle arancine è diversa. L’Arancina nacque tanti secoli prima: la sua invenzione la dobbiamo al rosticciere dello Stupor Mundi:  all’Imperatore Federico II, si sa, piaceva cimentarsi nella caccia, di ogni genere, e per queste battute era necessario rifocillarsi con poco, ma spesso, e quelle palle di riso dorato e profumato dallo zafferano,  ripiene di erbe amare e carne di agnello o di cacciagione erano perfette.

Purtroppo, non duravano, inacidivano presto e comunque fredde a Federico non piacevano. Ecco allora la panatura e la frittura e così nasceva l’arancina. Il nome del dolce votivo si diffuse in tutta l’Isola.

Io, le mie realizzazioni a base di riso le ho chiamate “RisottiDaPasseggio”, per dirla in vernacolo: unni pozzu cchiù di stritfud e compari: il cibo, per me, è cosa seria, d’altra parte non potrebbe essere diversamente per uno che porta il mio cognome.

I miei RisottiDaPasseggio li ho titolati al femminile in quanto “realizzazioni a base di riso”, ma anche perché lei sempre femmina resta. L’arancina DAMARE, una storia d’amore tra il GAMBERONE GEDEONE, e la COZZA capRICCIosa, la PORCIOTTA, dove i chicchi del riso danzano  con  i porcini del bosco, la NERA nella quale il riso si lascia sedurre dall’inchiostro del calamaro, e questo si perde dentro al riso nero, la BIANCA che è una fonduta di formaggi al riso l’OTTAVA dove il riso si lascia trasportare dal Raù del quale Eduardo immortalò la ricetta  che è l’omaggio alle mie ascendenze partenopee, la PESTATA, un inno alla Sicilia, riso, pesto verde di agrumi. pomodori secchi, melanzane e caciocavallo e una piccola acciuga cantano le bontà della nostra terra.

Oggi, è anche il giorno della Cuccìa dal greco TA KO(U) KKIA, i grani. Nell’Antica Grecia era uso, per commemorare i defunti, mangiare sulle tombe grano bollito con miele e bere vino forte e dolce. Questa tradizione la si ritrova in tutta la Magna Grecia e così si intende come, per ringraziare la Santa, ma anche per ricordare i cari  che non erano sopravvissuti alla carestia, la Cuccìa sia diventata il dolce tipico di Santa Lucia.

In Puglia, in Basilicata e in Molise si prepara una freschissima Cuccìa con grano lesso, canditi, melograno, noci, mandorle, pistacchi e cioccolato : una vera delizia.

In Calabria invece la Cuccìa è un piatto particolarmente lavorato, va preparato nel “Tijaniello” ed è a base di grano e carne di maiale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti