13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette
Catania

Indiscutibilmente "femmina" la pietanza di Santa Lucia

Gigi Mangia e l’arancina. È lei lo Stupor Mundi… E c’è anche la Cuccìa

12 dicembre 2017

Gigi Mangia racconta l’arancina secondo… Gigi Mangia.

E’ arrivata Santa Lucia, la Santa della Luce, la Vergine Martire Siracusana che ha sedotto e affascinato finanche i glaciali Svedesi e con Lei riprende forza l’annosa diatriba tra Arancina e Arancino.

Arancina Damare secondo Gigi Mangia
Arancina Damare secondo Gigi Mangia

Non me ne vogliate: non ne posso più! l’arancino nacque il 13/12/1647: era riso cotto, amalgamato con miele e aveva un ripieno di cioccolato, la sua forma era simile a quella dell’Arancino catanese odierno, era uno dei tanti dolci votivi dedicati alla Santa dai Siciliani riconoscenti per lo scampato pericolo della carestia, che proprio un anno prima, in quello stesso giorno, era stato scongiurato dall’attracco di un bastimento carico di grano nel porto di Siracusa.

La storia delle arancine è diversa. L’Arancina nacque tanti secoli prima: la sua invenzione la dobbiamo al rosticciere dello Stupor Mundi:  all’Imperatore Federico II, si sa, piaceva cimentarsi nella caccia, di ogni genere, e per queste battute era necessario rifocillarsi con poco, ma spesso, e quelle palle di riso dorato e profumato dallo zafferano,  ripiene di erbe amare e carne di agnello o di cacciagione erano perfette.

Purtroppo, non duravano, inacidivano presto e comunque fredde a Federico non piacevano. Ecco allora la panatura e la frittura e così nasceva l’arancina. Il nome del dolce votivo si diffuse in tutta l’Isola.

Io, le mie realizzazioni a base di riso le ho chiamate “RisottiDaPasseggio”, per dirla in vernacolo: unni pozzu cchiù di stritfud e compari: il cibo, per me, è cosa seria, d’altra parte non potrebbe essere diversamente per uno che porta il mio cognome.

I miei RisottiDaPasseggio li ho titolati al femminile in quanto “realizzazioni a base di riso”, ma anche perché lei sempre femmina resta. L’arancina DAMARE, una storia d’amore tra il GAMBERONE GEDEONE, e la COZZA capRICCIosa, la PORCIOTTA, dove i chicchi del riso danzano  con  i porcini del bosco, la NERA nella quale il riso si lascia sedurre dall’inchiostro del calamaro, e questo si perde dentro al riso nero, la BIANCA che è una fonduta di formaggi al riso l’OTTAVA dove il riso si lascia trasportare dal Raù del quale Eduardo immortalò la ricetta  che è l’omaggio alle mie ascendenze partenopee, la PESTATA, un inno alla Sicilia, riso, pesto verde di agrumi. pomodori secchi, melanzane e caciocavallo e una piccola acciuga cantano le bontà della nostra terra.

Oggi, è anche il giorno della Cuccìa dal greco TA KO(U) KKIA, i grani. Nell’Antica Grecia era uso, per commemorare i defunti, mangiare sulle tombe grano bollito con miele e bere vino forte e dolce. Questa tradizione la si ritrova in tutta la Magna Grecia e così si intende come, per ringraziare la Santa, ma anche per ricordare i cari  che non erano sopravvissuti alla carestia, la Cuccìa sia diventata il dolce tipico di Santa Lucia.

In Puglia, in Basilicata e in Molise si prepara una freschissima Cuccìa con grano lesso, canditi, melograno, noci, mandorle, pistacchi e cioccolato : una vera delizia.

In Calabria invece la Cuccìa è un piatto particolarmente lavorato, va preparato nel “Tijaniello” ed è a base di grano e carne di maiale.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.