La Befana è cinese. Addio made in Italy, nella calza i giocattoli vengono dall'estero | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Giro d'affari per oltre un miliardo di euro

La Befana è cinese. Addio made in Italy, nella calza i giocattoli vengono dall’estero

di
4 Gennaio 2017

Il made in Italy va in soffitta. Nell’anno appena trascorso, il Bel Paese ha accolto giocattoli stranieri per 1,1 mld. E per la festività della Befana, le calze appese nelle case degli italiani porteranno un carico record di giochi e giocattoli stranieri, con una netta prevalenza di prodotti Made in China. Confartigianato ha calcolato che il 2016 segna il picco storico delle nostre importazioni di giocattoli: ne abbiamo acquistati per 1.082 milioni di euro, con una crescita dell’1,8 per cento rispetto al 2015. E la Cina la maggiore fornitrice: da lì  sono arrivati in Italia giochi e giocattoli per un valore di 470 milioni di euro, pari al 45,3 per cento del totale del nostro import di queste tipologie di prodotti. Ma a riempire le calze della Befana sono anche la Francia che ci fornisce prodotti per 141 milioni, la Repubblica ceca (107 milioni), la Germania (78 milioni), i Paesi Bassi (59 milioni) e la Spagna (50 milioni). A tenere alta la bandiera del giocattolo italiano c’è però un piccolo esercito di 380 imprese nazionali, con 2.959 addetti e un fatturato di 598 milioni di euro, che sui mercati esteri esportano la qualità dei nostri prodotti per un valore che negli ultimi dodici mesi si è attestato a 444 milioni di euro. La Confederazione nazionale degli artigiani raccomanda di fare attenzione alla sicurezza dei prodotti acquistati per i bambini. Giochi e giocattoli sono, infatti, quelli a maggior rischio contraffazione. In Italia tra il 2008 e il 2015 ne sono stati sequestrati 1.896 sequestri per un valore complessivo di 185 milioni di euro: la media è di 15.375 pezzi sequestrati al giorno. Dopo le sigarette, i giochi e giocattoli, con 4.085.693 pezzi, risultano al secondo posto per numero di prodotti sequestrati dalle autorità doganali dell’Unione europea. Nella classifica dei Paesi di provenienza, il 70,3% dei prodotti sequestrati proviene dalla Cina, il 21,2% dalla Malaysia e un ulteriore 4,2% da Hong Kong. Nel corso del 2015 sono aumentati del 14% gli articoli taroccati di tutti i generi sequestrati dalle autorità doganali dell’UE e il fenomeno è decisamente più accentuato in Italia, dove il numero dei prodotti sequestrati è cresciuto del 57 per cento. A farne le spese è il settore manifatturiero, che vede penalizzato ben il 20% delle nostre Pmi artigiane. Il consiglio di Confartigianato ai consumatori è di prestare particolare attenzione agli oggetti venduti a basso costo, di controllare sempre le etichette che devono indicare la provenienza e la composizione del prodotto, nonchè le istruzioni per l’uso e la conformità alle norme europee di sicurezza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco