23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.39

il parlamentare grillino va per conto proprio

Giorgio Trizzino di nuovo contro la linea ufficiale dei 5 Stelle, stavolta lo scontro è sui vaccini

4 Agosto 2018

Dopo la senatrice Elena Fattori, anche Giorgio Trizzino, deputato del M5s e direttore sanitario dell’ ospedale Civico di Palermo, esprime dissenso sulla norma del Milleproroghe che fa slittare di un anno l’obbligo vaccinale per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e ai nidi e afferma di ‘condividere in pieno la posizione della senatrice Fattori’. ‘Non si ritenga – scrive su Fb – che per garantire l’accesso a asili nido e materne si possa immaginare qualsiasi forma di deroga sull’obbligo a vaccinare i bambini’.

“Non si pensi che il mio silenzio sul tema dei vaccini sia da attribuire – scrive Trizzino in un post su Facebook – ad una posizione consenziente rispetto tesi ambigue sull’obbligo vaccinale. Chiarisco subito che in questa prima fase ho voluto comprendere la reale posizione del M5s, del nostro gruppo in commissione e del ministro. Adesso che le idee sono più chiare voglio manifestarvi la mia posizione netta sull’obbligo vaccinale”.

“Da quasi 40 anni lavoro in un ospedale pediatrico – sottolinea il parlamentare grillino – ed ho visto bambini morire a causa di morbillo, meningite, ma non ho mai visto bambini perdere la vita a causa di complicanze post vacciniche. Il mio ruolo di Direttore Sanitario e di igienista mi impone di avere una posizione chiara sul tema ed è quello che farò senza equivoci o fraintendimenti. Sono convinto della necessità di un confronto aperto da cui generare future posizioni condivise e pubbliche e pertanto condivido in pieno la posizione della senatrice Fattori”.

Una posizione dissonante rispetto al gruppo pentastellato. Distinguo a cui Trizzino non è nuovo. In primavera inoltrata, in piena crisi istituzionale, nel periodo in cui non si riusciva a formare un nuovo governo e Di Maio lasciava presagire nuove elezioni, il deputato in un’intervista aveva definito questa eventualità una iattura, tessendo addirittura l’elogio di Berlusconi e autodefinendosi “vecchio democristiano”. Posizioni, poi rettificate dallo stesso Trizzino.

La sua uscita sui vaccini ha scatenato l’ira di tantissimi utenti Facebook di provata fede pentastellata, specie nei gruppi e nelle chat dei simpatizzanti e degli attivisti del Movimento: “Gliene porto quante ne vuole di storie dolorose – scrive a commento del post del deputato uno dei tanti utenti del social network: “lei è solo un fake…via dai 5Stelle…non merita quello scranno”.

LEGGI ANCHE

Il neo deputato 5 Stelle Trizzino smentisce Di Maio: “Berlusconi lungimirante. Tornare al voto? Una iattura”

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.