Giornale di Sicilia contro Mediaset: "Fermate fiction su Mario Francese". Ed è caos [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Polemiche sul film in onda stasera alle 21 su Canale 5

Giornale di Sicilia contro Mediaset: “Fermate fiction su Mario Francese”. Ed è caos [VIDEO]

di
21 Gennaio 2018

“Francese ha pagato con la vita per le cose che ha liberamente scritto sul Giornale di Sicilia. Nessuno glielo ha impedito, nessuno lo ha isolato”. In un editoriale a firma dal direttore Antonio Ardizzone e del condirettore Marco Romano, il quotidiano di via Lincoln contesta la ricostruzione – fatta nella fiction che andrà in onda stasera su Canale 5 – della vita di Mario Francese, ucciso dalla mafia a Palermo il 26 gennaio 1979.

“Una ricostruzione dei fatti – scrivono Ardizzone e Romano – che non esitiamo a definire grossolanamente falsa, strumentalmente artefatta e platealmente incongruente nella tempistica, nella logica e nei contenuti”, “al solo scopo di denigrare l’immagine di questo giornale e dei suoi editori”. E continuano: “Avevamo concesso con piacere alla società produttrice, appena ce lo aveva chiesto, l’autorizzazione all’utilizzo del logo del quotidiano e di alcune pagine dello stesso” ma “dopo la proiezione a inviti dell’anteprima abbiamo immediatamente dato mandato ai nostri legali di comunicare la revoca dell’autorizzazione e contestualmente di avanzare formale diffida contro la messa in onda della fiction così come mostrata in anteprima”. 

Una scena della fiction in onda stasera:

Scoppia dunque il caos tra il Gds e la Taodue sulla fiction con protagonista Claudio Gioè (nei panni del cronista Mario Francese) e Marco Bocci (alias suo figlio Giuseppe Francese). La sceneggiatura è stata scritta dal giornalista e deputato Ars, Claudio Fava, che interviene a gamba tesa sull’editoriale e la richiesta di censura del Gds:

Fava«L’editoriale che il Giornale di Sicilia dedica al film su Mario Francese, in onda stasera in tv, e dunque al sottoscritto, che di questo film è lo sceneggiatore, è triste ed imbarazzante: chi ha scritto quel film sarebbe “un sedicente moralista, esponente di un’antimafia sempre più parolaia e di maniera”. L’“antimafia parolaia” sono i fatti che il film ricostruisce e che l’editoriale del GdS si guarda bene dallo smentire. Le frequentazioni, giudiziariamente accertate, fra l’editore del giornale Ardizzone e il capo della cupola di cosa nostra Michele Greco. L’attentato mafioso subito dal caporedattore del giornale senza che il suo stesso quotidiano gli dedicasse nemmeno un trafiletto di solidarietà. Gli incontri proposti con alcuni capimafia palermitani da un cronista di giudiziaria del GdS a Mario Francese, e da lui rifiutati, poco prima dell’assassinio.
Un fatto, la solitudine umana e professionale che conobbe Francese in quei mesi. Un fatto le parole durissime nei confronti del Giornale di Sicilia contenute sia nella requisitoria del PM che nelle motivazioni delle sentenze di condanna dei suoi assassini. Scrivono i giudici d’Appello: “…costituisce, ormai, un dato storico che, da quel momento (l’omicidio di Francese), la linea editoriale del “Giornale di Sicilia” muta radicalmente, sino a divenire, negli anni del primo maxi-processo, uno dei più feroci oppositori e critici dell’attività dei giudici componenti del c.d. pool-antimafia, definiti sceriffi e professionisti dell’antimafia ed attaccati quotidianamente con incisivi e dotti corsivi…”
FavaAggiunge oggi l’editoriale del GdS a proposito di una foto, ricordata nel film, che ritrae l’editore assieme a Michele Greco, che quell’immagine “se mai esistesse risalirebbe a decenni prima”. Se mai esistesse? Acquisita agli atti del processo, descritta da decine di testimoni, ricordata dallo stesso Michele Greco e siamo ancora fermi alla negazione dell’evidenza? E raccontare quell’evidenza sarebbe antimafia parolaia?
In ogni caso, aggiunge l’editoriale di oggi, Michele Greco solo diverso tempo sarebbe stato identificato dalle inchieste giudiziarie come mafioso. Falso. Pateticamente falso. Tutti sapevano, alla fine degli anni settanta, che Michele Greco a Palermo era il capo della mafia come Nitto Santapaola a lo era a Catania: e se con loro si incontravano prelati, editori, ministri e prefetti lo facevano nella piena consapevolezza che quei loro compagni incensurati di merende rappresentavano il potere utile ed indiscutibile di cosa nostra.
Di questo parla il film. Di questo non parla affatto la “smentita” del Giornale di Sicilia. Ora, non si chiede al GdS di essere il Washington Post. Ma pretendere il diritto a silenzio, all’oblio, alla reticenza e alla menzogna sulla storia di un loro giornalista ammazzato dalla mafia è cosa assai triste, ancor più che grave. Ci dice quanta strada c’è ancora da fare. E quante verità da reclamare».

Contro l’editoriale del quotidiano di via Lincoln anche il Gruppo siciliano dell’Unci: “La ricostruzione filmica degli eventi che condussero alla tragica morte del cronista Mario Francese non sia oggetto di censura preventiva”. E’ questo l’auspicio che il Gruppo siciliano dell’Unci esprime a poche ore dalla messa in onda, programmata su Canale 5, di “Delitto di mafia, Mario Francese”, la fiction che racconta la morte del cronista del Giornale di Sicilia, ucciso il 26 gennaio 1979 a Palermo, e le indagini che portarono alla condanna dei responsabili di quel delitto. “Chiunque si senta leso da ricostruzioni ritenute imprecise o fuorvianti – conclude il Gruppo siciliano dell’Unci – avrà sicuramente modo di far valere le proprie ragioni nelle sedi opportune, successivamente alla messa in onda del film. Impedirne la trasmissione, invece, significherebbe soltanto limitare l’opera di divulgazione di una delle figure giornalistiche più importanti nella storia del nostro Paese”.

Pietro Valsecchi (produttore della fiction Taodue) ribadisce: «Il film racconta la verità emersa dai processi, non mi aspettavo davvero un’aggressione di questo tipo. È un film sulla libertà di stampa per cui Francese si è battuto». Lo spot tv:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin