Giornata del Digitale 2019, la Sicilia sarà l'area più avanzata del Mediterraneo | VIDEO INTERVISTE :ilSicilia.it

L'appuntamento all'Albergo delle Povere di Palermo

Giornata del Digitale 2019, la Sicilia sarà l’area più avanzata del Mediterraneo | VIDEO INTERVISTE

15 Ottobre 2019

Guarda in alto le video interviste

È stato presentato oggi, nel corso della Giornata del Digitale 2019, il Piano triennale della Transizione Digitale 2018-2020. L’edizione 2019 della Giornata del Digitale, ha avuto come tema “La transizione digitale nella Pubblica Amministrazione ed il partenariato con le imprese” ed ha visto la partecipazione dei vertici dell’Amministrazione regionale insieme ad un panel di rappresentanti di primarie istituzioni ed imprese, nazionali e regionali. Il piano triennale punta a fare della Sicilia l’area più digitalizzata del Mediterraneo, fornendo ai cittadini siciliani gli strumenti  per interagire con la Regione e gli Enti del territorio attraverso un’esperienza nativamente digitale, “aperta” ed incentrata sulle esigenze dell’utente.

Gaetano Armao
Gaetano Armao

“La scelta strategica della Regione di puntare sul digitale – ha dichiarato il Vicepresidente ed Assessore all’Economia, Gaetano Armao – quale elemento di sviluppo per la Sicilia da i primi risultati e proietta l’Isola nella digital transformation con tutte le carte in regola. Ed a questo riguardo l’impegno del Governo regionale si muove nel senso di sostenere l’innovazione digitale collegata alle strategie regionali di specializzazione intelligente.”

 “Ogni siciliano, ogni impresa che ha sede o opera nella Regione, per essere inclusi ed attivi, dovranno poter conseguire competenze digitali ed utilizzare al meglio infrastrutture materiali ed immateriali realizzate in attuazione di questa Agenda”, ha concluso.

Nell’ambito del Piano Triennale 2018-2020, sono attualmente in fase di realizzazione 7 interventi progettuali (con un investimento di 20,8 milioni di Euro) tra i quali si evidenziano  il Progetto Banda Ultra Larga per il notevole impatto infrastrutturale sul territorio ed il Progetto Open Data che garantirà ai cittadini e alle imprese il diritto all’accesso ai dati, ai documenti e ai servizi di interesse.

Ruggero RazzaIl Progetto per la costruzione di una rete di Banda Ultra Larga è nato per fornire una maggiore copertura per i servizi telefonici e internet anche nelle cd “aree bianche” del territorio. “Siamo passati – ha sottolineato Armao – da una copertura di 60 comuni a 142 comuni, più di 1 milione di unità abitative raggiunte a 30 mega per un totale di circa di 2 milioni di cittadini abilitati. Per quanto riguarda le risorse impiegate sono stati chiusi 30 cantieri, restano aperti 80 cantieri e 100 comuni in lavorazione nel 2019.”.

Nel Progetto Open Data, infine, la Regione si è impegnata a pubblicare in formato aperto le basi dati di interesse nazionale, ottemperando agli obblighi di trasparenza, passando dalla 27° posizione in Italia alla 5° in termini di dati messi a disposizione, con una percentuale di pubblicazione dei dati passata dal 10% al 46% e 40 dataset pubblicati sul progetto di cui 17 solo a maggio 2019.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.