19 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.33

Il 23 e 24 marzo

Giornata Fai di Primavera, visitabili oltre cento siti in Sicilia. Ecco l’elenco | FOTO

22 Marzo 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto 

Anche domenica 24 marzo, come avvenuto sabato 23, in occasione della 27esima Giornata di Primavera organizzata dal Fai, Fondo Ambiente Italiano, la più grande festa di piazza dedicata ai beni culturali italiani, apriranno al pubblico ben 122 siti in tutta l’Isola.

Piazzetta Sett'angeli FAI
Piazzetta Sett’angeli Palermo

Educare alla conoscenza” è il tema scelto per questa edizione che svelerà istituti, ordini religiosi e dimore storiche mai aperte.

Sono ben 45 le località che, in ogni angolo della Sicilia, potranno essere visitate grazie all’impegno delle otto Delegazioni Fai che si sono mobilitate mettendo in campo, è il caso di dire, più di un migliaio tra volontari e “ciceroni” per divulgare storie e aneddoti legati al passato.

Ecco l’elenco delle città coinvolte:
PALERMO 

La Cripta, il Coro e la Basilica di San Francesco D’Assisi (Piazza San Francesco d’Assisi); Piazza Sett’Angeli; l’Oratorio Dell’Immacolatella (Via Immacolatella, 1); il Fondo Librario Antico della Compagnia di Gesù (Via Piersanti Mattarella, 38 – 42); il Rifugio Antiaereo degli Studenti del Liceo Vittorio Emanuele (Corso Vittorio Emanuele, presso Biblioteca centrale della Regione Siciliana); il Palazzo Alliata dei Principi di Villafranca (Piazza Bologni, 20); Liceo Classico Vittorio Emanuele II (Sede centrale via Simone Bologna 11); Palazzo Drago Airoldi di Santa Colomba (Via Vittorio Emanuele 382, riservato agli iscritti FAI); Chiesa del Collegio del Giusino ( Via Collegio del Giusino); il Complesso di Casa Professa (Piazza Casa Professa 21).

AGRIGENTO

Casa Anas, la Fattoria Mosè, il Giardino Botanico, il Giardino della Kolymbethra, Villa Genualdi, Chiesa del Carmine.

CATANIA

Bastioni degli Infetti, Cappella Bonajuto, Chiesa di San Benedetto, Murales di BLU a Librino, Porta Garibaldi, Street Art Silos, Duomo di Giarre.

ENNA

Il Santuario del SS. Crocifisso di Papardura e la Granfonte di Leonforte, uno dei monumenti principali del luogo.

RAGUSA

Il riparo sotto Roccia di Fontana Nova e diversi palazzi nobiliari e abitazioni private in stile Liberty.

SIRACUSA

Lentini, il Convento Regio di San Domenico, Sortino Diruta con quartieri e strade della città sepolta.

MESSINA

Il Teatro Vittorio Emanuele.

Inoltre, ingresso alla Villa comunale di Taormina, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 18.00.

TRAPANI

La Tonnara di San Giuliano e la Chiesa di Santo Stefano a Marsala.

Iniziativa speciale quest’anno sarà la possibilità di viaggiare su un treno storico per la Valle dei Templi di Agrigento, domenica 24.

Ovviamente oltre a questi, che sono i principali siti, ce ne sono tantissimi visitabili per tutta la giornata.

SICILIA_AG_AGRIGENTO_Treno_storico_della_Valle_dei_Templi_003
Treno storico Agrigento

L’ottocentesco impianto ferroviario tornerà a vivere come capolinea di una linea turistica, la “Ferrovia dei Templi”: a bordo dei carrelli a motore e a pedale, ci saranno visite guidate, mostre di cultura, storia e artigianato, aree street food.

L’itinerario del treno storico prevederà: partenza da Palermo Centrale (ore 8) e arrivo a Porto Empedocle Centrale (ore 11.34), ritorno da Porto Empedocle Centrale (ore 18) e arrivo a Palermo Centrale (ore 21). Sarà possibile, inoltre, viaggiare tra la stazione di Porto Empedocle Centrale e la Valle dei Templi (prenotazione all’indirizzo prenotazioni@fondazionefs.it).

L’ELENCO COMPLETO DI TUTTI I SITI

A completare la mappa anche tanti comuni, qui l’elenco completo di tutti i luoghi da consultare anche per eventuali variazioni nel programma; in tutti i siti sarà possibile sostenere la Fondazione con un contributo facoltativo o con l’iscrizione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...