Giornata Nazionale dell'Incontinenza a Palermo: incontri e visite gratuite in tutti gli ospedali della città :ilSicilia.it
Palermo

il 27 giugno

Giornata Nazionale dell’Incontinenza a Palermo: incontri e visite gratuite in tutti gli ospedali della città

25 Giugno 2019

In previsione della Giornata Nazionale dell’Incontinenza, Palermo si prepara con due giorni di iniziative e visite gratuite in tutti e cinque gli ospedali cittadini (Buccheri La Ferla, Villa Sofia-Cervello, Civico, Ingrassia e Policlinico).

Parte il 27 giugno, infatti, l’iniziativa “Incont…riamoci! CONTINuiamo a rimanere Continenti”.

Si stima che in Italia 3 milioni di persone soffrano di incontinenza e solo pochi di loro si rivolgano ai medici per trovare una cura. Il disturbo è prevalentemente femminile e può verificarsi in tre particolari periodi della vita di una donna: la gravidanza, il parto e la menopausa.

L’iniziativa prende il via giovedì in un convegno medico che si terrà dalle 8.30 a villa Magnisi, già sede dell’Ordine dei Medici, di via Padre Rosario Da Partanna. Si continuerà tutta la mattinata fino alla tavola rotonda che comincerà alle 16.15. Si tratta di un confronto tra esperti, rappresentanti delle istituzioni, associazioni mediche e di pazienti. Sono previsti gli interventi, tra i tanti, di Maria Letizia Di Liberti, dirigente generale Dasoe; di Walter Messina, direttore generale dell’azienda ospedaliera Villa Sofia- Cervello; di Roberto Guarino, responsabile dell’ambulatorio di Uroginecologia dell’ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli; di Giovanna Micciché, psicologa del Civico, di Marylea Spedale dell’Asp di Palermo e di Renato Venezia, docente dell’Università di Palermo. A moderare gli interventi sarà il giornalista Salvatore Fazio. L’incontro è aperto anche alla cittadinanza.

Il giorno dopo, i cinque ospedali di Palermo (Buccheri La Ferla, Villa Sofia/ Cervello, Arnas Civico, Ingrassia e Policlinico) apriranno le loro porte con visite gratuite di Uroginecologia che possono essere prenotate fino al 22 giugno contattando direttamente la struttura in cui si desidera effettuare lo screening.

Per l’Ospedale Buccheri La Ferla è necessario contattare il servizio di Uroginecologia allo 091 479506 dalle 9 alle 13. Per gli Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello è necessario inviare mail all’indirizzo uroginecologia@villasofia.it o chiamare dalle ore 12 alle 13 al numero 091 7808070.

Per l’Arnas Civico chiamare dalle 9.30 alle 13.30 i numeri 091 6662507 – 3346067795. Per l’ospedale Ingrassia, invece, chiamare dalle 9.30 alle 13.30 il numero 0917033718.

Per il Policlinico Giaccone infine chiamare dalle 8.30 alle 14 il numero 091 6552033. I corsisti verranno distribuiti nei cinque ospedali e potranno quindi partecipare alle visite gratuite e ad alcune indagini strumentali. Tutor degli screening saranno i responsabili scientifici Maria Concetta Accursio, Roberto Guarino, Giorgio Gugliotta, Mario Napoli e Bruno Pinzello.

E’ molto importante fare conoscere alla popolazione la presenza di centri specialistici che trattano un problema che purtroppo affligge molte donne che non trovano punti di riferimento vendendosi condizionare di fatto la qualità della loro vita– afferma il dottor Roberto Guarino, tra gli organizzatori dell’iniziativa– spesso non ci si rivolge ai medici per vergogna e si tende a convivere con questi disturbi che invece possono essere risolti”.

Il titolo del corso richiamo in pieno l’obiettivo – aggiunge il dottor Giorgio Gugliotta – l’iniziativa nasce infatti dall’esigenza di un confronto sulle patologie uroginecologiche e sul loro impatto scientifico, economico e sociale. E’ necessario che le Istituzioni sappiano qual è l’impatto epidemiologico così da colmare il gap con le altre regioni d’Italia”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.