"Giornate dell'economia del Mezzogiorno", al via lunedì 20 la decima edizione | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il primo appuntamento è nel capoluogo siciliano

“Giornate dell’economia del Mezzogiorno”, al via lunedì 20 la decima edizione

di
19 Novembre 2017

Con la cerimonia di apertura prenderà il via lunedì 20 novembre alle ore 15.45 nell’Aula consiliare del Comune di Palermo, a palazzo delle Aquile,  la X edizione delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno (GEM17) che quest’anno ha per titolo “I frutti avvelenati della globalizzazione. Dalla società liquida a quella solida”.

Apre i lavori Alessandro La Monica, del comitato organizzatore delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno e presidente Diste Consulting. Saluti del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, di Ines Curella, direttore generale di Banca Popolare Sant’Angelo, di Alessandro Dagnino, presidente Irfis FinSicilia SpA, di Fabrizio Escheri, presidente ODCEC Palermo, di Fabio Giambrone, presidente Gesap Spa, di Pasquale Stellacci, direttore regionale della Sicilia dell’Agenzia delle entrate, e di Omar Salvini, del nucleo Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Palermo. Alle 17 dibattito sul tema principale delle Giornate,“I frutti avvelenati della globalizzazione. Dalla società liquida a quella solida”. Dopo l’introduzione del presidente della Fondazione Curella Pietro Busetta, relazioni di Sebastiano Bavetta dell’Università degli Studi di Palermo, Andrea Boltho del Magdalen College Università di Oxford, Giuseppe Savagnone, editorialista de L’Avvenire e dell’Università Lumsa. Interverrà monsignor Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo.

La decima edizione de Le Giornate dell’Economia del Mezzogiorno ed il XXXI Osservatorio congiunturale economia 2018 – Forecasting the future sul tema “I frutti avvelenati della globalizzazione”, si svolgeranno dal 20 al 25 novembre tra Palermo e Catania.

Il programma delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno 2017 è molto fitto ed incentrato sul tema della globalizzazione e dei suoi frutti, spesso avvelenati, e degli effetti sulla società e sulla globalizzazione. Ma si parlerà per una settimana di immigrazione ed emigrazione, credito ed economia, società e formazione.

Dalla crisi finanziaria degli Enti locali alla fuga dei cervelli, passando per l’emergenza migranti al ruolo delle banche locali nell’economia mondiale: questi alcuni temi della ventina di incontri che si svolgeranno in diverse sedi della città e che avranno come filo conduttore appunto i “frutti avvelenati della globalizzazione”.

Le Giornate dell’Economia del Mezzogiorno si concluderanno con la XXI edizione dell’Osservatorio Congiunturale della Fondazione Curella Forecasting the Future dal titolo “Il Mezzogiorno deve Morire” che si svolgerà sabato 25 novembre alle 9 nella Biblioteca Comunale di Casa Professa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.