"Giornate Fai di primavera", chiese e palazzi aperti a Palermo nel fine settimana :ilSicilia.it
Palermo

Il 25 e 26 marzo

“Giornate Fai di primavera”, chiese e palazzi aperti a Palermo nel fine settimana

di
17 Marzo 2017
Per le “Giornate Fai di Primavera”, in programma sabato 25 e domenica 26 marzo saranno aperti otto siti dell’itinerario “Per le vie dell’antico quartiere della Loggia”.

Otto gioielli dell’arte e dell’architettura, che sarà possibile visitare dalle 10 alle 17. Si pagherà un contributo “libero” a partire da 3 euro.

Si va dall’ex Convento domenicano di Santa Cita alla chiesa di Sant’Eligio con la Fabbrica d’argento di Amato, dalla chiesa di Sant’Eulalia dei Catalani nel cuore della Vucciria con la vicina piazza del Garraffoalla sede regionale della Banca d’Italia in cui, domenica sera, si terrà un concerto curato dagli studenti del Liceo Regina Margherita.

E ancora, la chiesa di San Giorgio dei Genovesi, il Conservatorio di Musica “Vincenzo Bellini”, il bellissimo Palazzo Pantelleria (ma qui l’ingresso è riservato agli iscritti Fai) e piazzetta del Garraffello sempre alla Vucciria, che, speriamo, in questa occasione, almeno in questa occasione (ribadirlo è meglio) possa riacquistare un po’ di decoro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.