Giornate volontariato in Sicilia, Razza: "Grazie a chi ha affrontato la pandemia accanto ai sanitari" :ilSicilia.it
Enna

la dichiarazione

Giornate volontariato in Sicilia, Razza: “Grazie a chi ha affrontato la pandemia accanto ai sanitari”

di
15 Ottobre 2021

La sfida del volontariato sanitario nel lungo periodo della pandemia. È stato questo il tema al centro della sessione pomeridiana di oggi delle Giornate del volontariato siciliano, organizzate dalla Regione Siciliana all’Università Kore, a Enna, e che continueranno fino a domenica. Confronto e ascolto tra membri delle istituzioni e rappresentanti delle associazioni, analisi dei problemi, critiche e proposte.

È la prima volta che la Regione organizza, su grande impulso del presidente Musumeci – afferma l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razzatre giorni per stare assieme al mondo del volontariato. Per la sanità il volontariato è stato uno dei presidi più importanti durante la pandemia, continua a essere punto di riferimento essenziale all’interno delle strutture ospedaliere, dove svolge un compito che tante volte il sistema sanitario pubblico e privato non riesce a realizzare: essere accanto alle famiglie. Mettere il paziente al centro delle attenzioni e delle cure significa anche coinvolgere il tessuto familiare che è attorno a lui, come avviene per le malattie oncologiche. A questo compito adempie con grande senso di responsabilità il mondo del volontariato e noi siamo qui per ascoltare”.

Fare in modo che nessuno fosse lasciato da solo è stato l’imperativo categorico che ha guidato negli ultimi 19 mesi il mondo del volontariato. “Il sistema sanitario si è dovuto concentrare  – aggiunge l’assessore alla Salute – su una grande pandemia e quella del Coronavirus è la più difficile della storia, perché l’unica in un periodo in cui i collegamenti tra i vari punti del pianeta sono semplici e veloci, aumentando la diffusività del virus. Siamo stati costretti a chiusure drastiche e restrizioni. Non posso fare a meno di ringraziare chi, in questi momenti di solitudine profonda, ha lavorato al fianco del sistema sanitario, affrontando le sfide che questa pandemia poneva. Tantissimi volontari sono stati esposti al contagio anche in periodi in cui non c’erano protocolli di cura e vaccini. A loro un sincero ringraziamento”.

Intensi e stimolanti gli interventi del presidente regionale della Croce rossa italiana, Luigi Corsaro, del presidente regionale di Anpas, Lorenzo Colaleo, del presidente nazionale delle Misericordie, Domenico Giani, e del presidente regionale Avis, Salvatore Calafiore. A seguire numerose testimonianze di volontari che operano nel settore sanitario, dalla ricerca e assistenza alle persone affette da malattie rare e alle persone ricoverate, alla donazione del sangue e degli organi, alla prevenzione sanitaria. È necessario che i volontari non siano “i barellieri della storia” o “la stampella delle istituzioni”, ma che ci possa essere una nuova forma di collaborazione e condivisione tra pubblica amministrazione e terzo settore, anche attraverso l’attività di un tavolo regionale permanente.

Nel corso degli interventi, il professore Pieremilio Vasta, presidente per la conferenza dei comitati consultivi delle aziende sanitarie della Regione Siciliana, ha presentato, con un video, la Rete civica della salute, progetto d’inclusione sociale dell’assessorato regionale alla Salute.

Domani la seconda giornata sarà dedicata all’Ambiente. Apertura alle 10 con l’introduzione dell’assessore al Territorio, Toto Cordaro, e le relazioni della presidente della commissione Territorio, Giusi Savarino, del vicepresidente della Cei e vescovo di Acireale, monsignor Antonio Raspanti, e di Emilio Castorina, docente dell’università di Catania. Il programma prevede poi gli interventi del presidente regionale del Club alpino italiano, Francesco Lo Cascio, di Giulia Casamento di Legambiente, del presidente regionale di Italia Nostra, Leandro Iannì, del presidente nazionale Wwf, Donatella Bianchi, e del direttore generale di Arpa Sicilia, Vincenzo Infantino. Nel pomeriggio, sulla tematica della protezione degli animali interverranno il presidente della Commissione sul randagismo dell’Ars, Tommaso Calderone, il presidente regionale Lipu, Nino Provenza, il presidente del Centro recupero rapaci, Giovanni Giardina, e il presidente nazionale Enpa, Carla Rocchi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.