Giorno del ricordo: la Sicilia commemora le vittime delle foibe | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Messina

Lunedì 10 febbraio

Giorno del ricordo: la Sicilia commemora le vittime delle foibe | IL PROGRAMMA

di
9 Febbraio 2020

Sono tante le manifestazioni che si terranno in Sicilia, oltre quelle preannunciate dalla Regione, per il 10 Febbraio, Giorno del Ricordo, istituito con la legge 30 marzo 2004 n. 92 dal Parlamento della Repubblica per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

Negli ultimi anni, soprattutto per le instancabili attività delle associazioni degli esuli istriani fiumani e dalmati, presenti in tutta la regione, oltre che nel resto d’Italia, e per le recenti parole del Presidente della Repubblica Mattarella, sono molte le manifestazioni organizzate dalle istituzioni e non, portando ad una maggiore consapevolezza e conoscenza su una storia tenuta nascosta, negata e strumentalizzata.

Nel capoluogo, l’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Palermo, commemorerà istituzionalmente, alla presenza delle massime autorità religiose, civili e militari, scuole e tutti i cittadini che volessero partecipare, rinnovando istituzionalmente la memoria della tragedia degli italiani, di tutte le vittime delle foibe e dell’esodo della popolazione dalle loro terre.

Gino zambiasi, Villa Martiri delle Foibe, Esuli, ANVGD Palermo
Gino Zambiasi a Villa martiri delle foibe

La manifestazione si terrà a Villa Martiri delle Foibe, via Ludovico Bianchini 42, ore 10, giardino commemorativo richiesto ed ottenuto dal Comune di Palermo da Gino Zambiasi, presidente dell’associazione per ricordare ed avvicinarsi simbolicamente alle terre lasciate, ai cari scomparsi per trovare conforto e condividere il dolore subito ingiustamente, intorno allo stele che rappresenta il Carso con le sue Foibe, moumento disegnato ed eretto dallo stesso presidente.

Nel pomeriggio, ore 17, l’Ucim Sicilia, in collaborazione con l’ensemble strumentale Alma 900, propone un Concerto dal titolo “Sogni e Suoni dal Fronte” presso l’Auditorium Florio-Salamone dell’Istituto dei ciechi di Palermo.  L’ANVGD Palermo sarà presente per testimoniare quanto accaduto.

Venerdì 14 febbraio, inoltre, presso il salone del Cinema De Seta ai Cantieri culturali alla Zisa, “Conservare e rinnovare la memoria delle vittime delle foibe“, organizzato dall’Associazione Brancaccio e musica, inserito nelle attività della rassegna “Arte, musica e letteratura 2020“.

Il Comune di Bagheria, nel pomeriggio di domenica 9, ore 17 ,  ha organizzato una conferenza, con la collaborazione del Comitato 10 febbraio, sulle tematiche già citate, a cui parteciperà il presidente ANVGD Palermo Gino Zambiasi.

Nel comune di Villafrati, Palermo, i consiglieri comunali appartenenti al gruppo civico di opposizione Rinascita Villafratese hanno fatto una mozione per commemorare istituzionalmente il Giorno del ricordo, cercando per l’occasione di coinvolgere, per quanto possibile, la scuola e i giovani.

Anche a Messina si svolgeranno diversi eventi lunedì. Un programma intenso di attività che racchiude al suo interno la cerimonia istituzionale alle 9,30 presso la piazza Martiri delle foibe e dell’esodo, l’inaugurazione della mostra “Conoscere per non dimenticare” curata da Maria Cacciola esule istriana e figlia di uno “scomparso siciliano al confine orientale” e, al Cine Apollo, alle ore 20, la proiezione del film “Red Land – Rosso Istria”.

A Siracusa, invece, nel pomeriggio di domenica 9 alle 17, vi sarà un incontro intitolato “Esodo giuliano dalmata e delle foibe”  al salone della Casa del mutilato di viale Regina Margherita.

Non ultima Catania che, con il Comitato 10 febbraio ha ricordato, nel pomeriggio di sabato 8, la vicenda con l’annuale fiaccolata tenuta in via Etnea  e che lunedì alle ore 17 , è stato programmato un incontro dal titolo “Foibe ed esodo istriano, giuliano e dalmata” presso il Palazzo della Cultura alla presenza del sindaco Salvo Pogliese e dell’assessore alla Cultura Barbara Mirabella.

Si aggiungono a questi eventi le esposizioni di libri e documenti organizzate dalle Biblioteche regionali di Palermo, Messina e Catania.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.