Giorno della Memoria, Orlando: "Palermo non dimentica" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

la manifestazione

Giorno della Memoria, Orlando: “Palermo non dimentica” CLICCA PER IL VIDEO

di
27 Gennaio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il sindaco Leoluca Orlando, il prefetto Giuseppe Forlani, il segretario dell’Anpi Angelo Ficarra e i vertici delle Forze dell’ordine hanno partecipato questa mattina al momento di riflessione dedicato alle vittime del nazifascismo nell’ambito della Giornata della Memoria.

Per il Comune era presente anche l’assessore alle CulturE, Mario Zito, insieme al questore Leopoldo Laricchia, al comandante provinciale della Guardia di finanza, generale Antonio Quintavalle Cecere, ai vertici della Dia palermitana, Filippo Fruttini e Paolo Azzarone, ufficiali e sottufficiali dei Carabinieri e della Polizia municipale.

L’iniziativa, promossa dal giornalista Leone Zingales, si è svolta in via Messina Marine, davanti al “Vagone della Memoria“, un vagone di un modello simile a quelli utilizzati per il trasporto dei deportati nei campi di sterminio nazisti, dove è stato osservato un minuto di silenzio.

Il sindaco Orlando, nel suo intervento, ha dichiarato che “Palermo, città dei diritti, non dimentica. Oggi l’Amministrazione comunale ha ricordato il genocidio nazifascista davanti al vagone della memoria, nel Giorno della Memoria. Il ricordo va alla nostra Carta costituzionale democratica che è strumento fondamentale per evitare il ripetersi di tali violenze. La Shoah fu l’ennesima persecuzione contro il popolo ebraico, ma fu anche la persecuzione contro coloro i quali sentivano il bisogno di esprimere liberamente le proprie opinioni e di decidere come vivere la propria vita. Credo sia questo il messaggio, attuale più che mai, di uno dei periodi più tragici della storia dell’umanità. Violenze e orrori che, però, si ripetono ogni giorno davanti ai nostri occhi. Questi vagoni, un tempo stipati di persone, ci rimandano ai barconi stipati di esseri umani. Persone che sono vittime di comportamenti criminali, di aguzzini e scafisti, ma con la copertura di Stati, di egoismi finanziari e meschinerie politiche. Oggi è un’occasione importante per esprimere fedeltà alla nostra Costituzione democratica e per dire basta a questa violenza consumata col volto dello Stato. In questo giorno voglio anche ricordare l’ex presidente del Parlamento europeo David Sassoli che nel suo ruolo ci ha ricordato come l’Europa avesse superato le frontiere che generano violenze, incomprensioni e guerre e come l’Unione europea potesse essere collegata all’esperienza della Rosa Bianca, alla lotta di resistenza al nazifascismo, portata avanti da un gruppo di giovani studenti di Monaco di Baviera in un periodo nel quale tutti erano asserviti alla violenza criminale di Hitler”.

Nel corso della cerimonia Leone Zingales ha ricordato le figure di tre siciliani che sono stati deportati: la professoressa Maria Di Gesù, l’operaio Liborio Baldanza (per i quali sono state posate due pietre d’inciampo a Palermo), e Giuseppina Panzica, la casalinga di Caltanissetta, moglie di un sottufficiale della Guardia di finanza in congedo, alla quale è stata intitolata una strada nel capoluogo nisseno.

E’ intervenuta, infine, la professoressa Daniela Di Francesca, pronipote di Maria Di Gesù, la quale ha raccontato alcuni aneddoti della docente-partigiana che, nel 1944, è stata deportata ad Auschwitz e a Ravensbruck e che è stata “liberata” dalle truppe sovietiche nella primavera del 1945.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.