Giovane strappa manifesti della Lega a Vittoria: "Siete fascisti", la denuncia :ilSicilia.it
Ragusa

a Piazza del Popolo

Giovane strappa manifesti della Lega a Vittoria: “Siete fascisti”, la denuncia

di
22 Maggio 2019

“Grave atto di intolleranza politica verso la Lega a Vittoria, in Piazza del Popolo”. 

A denunciarlo su Facebook il papà di un ragazzo (VEDI IL POST IN BASSO), che scrive: “Mentre mio figlio stava facendo colazione al bar ha notato un individuo che strappava i manifesti affissi sullo stallo di fronte al locale stesso, dei nostri candidati alle elezioni europee Attaguile e Gelarda, accorgendosi che mio figlio aveva ripreso la scena dello strappo si è avvicinato con fare minaccioso intimandogli di consegnare il telefonino. Al rifiuto, ha tentato di aggredirlo mettendogli le mani al collo e ingiuriandolo come fascista. Abbiamo sporto denuncia al commissariato di pubblica sicurezza”.

La vicenda l’ha resa nota Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega e candidato alle elezioni europee di domenica 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna: “Esprimo massima solidarietà al giovane e alla famiglia per il grave atto di intolleranza – dice Gelarda – . Nessuna violenza, nessuna minaccia, nessun atto vandalico può far parte del confronto democratico. La Lega opera sul territorio con i suoi militanti che troppo spesso subiscono episodi di questo tipo, da condannare fermamente. Questo clima di odio non ci fermerà – conclude Gelarda – anzi è il segnale che siamo sulla strada giusta”.

igor-gelarda01
Igor Gelarda

Non è la prima volta che Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Palermo, si ritrova bersaglio di atti vandalici con i suoi manifesti elettorali. A fine aprile, a Palermo, su un maxi cartellone nei pressi del quartiere Borgo Vecchio era comparsa la scritta: “Traditore della Sicilia”. Un episodio rispetto al quale subito era arrivata la risposta del senatore Stefano Candiani, commissario della Lega in Sicilia: “La Lega opera ed agisce sui territori con i suoi uomini e le sue donne migliori – dichiarò il sottosegretario al ministero dell’Interno – . Intimidazioni di questo tipo non ci spaventano”.

A distanza di qualche giorno, sempre a Palermo, un altro manifesto elettorale di Gelarda era stato divelto e posizionato a testa in giù su un marciapiede del centro, davanti ad un locale commerciale chiuso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.