Giovane tunisino disperso in mare, ricerche in corso a Pantelleria :ilSicilia.it
Agrigento

NESSUNA NOTIZIA DA SABATO

Giovane tunisino disperso in mare, ricerche in corso a Pantelleria

di
12 Ottobre 2020

Tragedia nel mare di Pantelleria dove un ragazzo tunisino risulta disperso da sabato sera. Un altro è stato salvato da un giovane pescatore diportista dopo che per 12 ore era rimasto in mare nuotando.

IL RACCONTO DEL SALVATAGGIO

Ero a pesca insieme ad un mio amico – racconta a Pantelleria Internet Giuseppe Pavia, che di professione fa il barista in un noto albergo dell’isola -. Eravamo nella zona tra Cuddie Rosse e Punta Fram e stavamo pescando a traina. Ad un tratto mi giro a dritta e vedo una boa che tratteneva una rete. Poco piu’ in la’ ad una distanza di circa 50 metri vedevo una cosa rotonda che mi sembrava un’altra boa“.

Poi ho realizzato che poteva trattarsi di una testa. L’ho indicata al mio amico Giammarco. Quando ho fatto un cenno con la mano, quello mi ha risposto. Non ho avuto piu’ dubbi e ci siamo avvicinati con la barca. Si trattava di un ragazzo che chiedeva aiuto. Parlava in francese. Gli abbiamo buttato un salvagente, abbiamo chiamato la Capitaneria di Porto dell’isola, gli abbiamo dato da mangiare della frutta e lo abbiamo fatto bere. La motovedetta e’ arrivata subito, dopo cinque minuti“.

Nei dintorni c’erano altre barche e nessuno aveva visto il ragazzo – aggiunge -. Non era facile. Io sono stato aiutato dal sole che avevo alle spalle e dagli occhiali polarizzanti che indossavo“.

RICERCHE IN CORSO

Il giovane tunisino ha raccontato che erano in sei su una piccola barca. A circa tre chilometri da Scauri e’ andato in avaria il motore. Hanno cercato di ripararlo, ma gli e’ caduto in acqua. Mentre quattro dei migranti a bordo sono rimasti sulla barca aspettando i soccorsi, due si sono buttati in acqua pensando di poter raggiungere la riva a nuoto.

I due si sono persi e il ragazzo che ce l’ha fatta è stato trovato in una zona molto distante dalla scogliera di Scauri. I quattro sono poi stati salvati nella notte tra sabato e domenica dalla motovedetta della Guardia Costiera, mentre il secondo ragazzo tunisino che si era buttato in mare e’ disperso. Lo stanno cercando Guardia Costiera, Carabinieri e Finanza coordinati dalla Capitaneria di Porto di Pantelleria.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin