Giovane va in escandescenza e distrugge locali del Pronto soccorso di Castelvetrano :ilSicilia.it
Trapani

IL FATTO

Giovane va in escandescenza e distrugge locali del Pronto soccorso di Castelvetrano

di
27 Gennaio 2022

Un giovane di 29 anni ha distrutto mobili e suppellettili del pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano. È successo ieri sera mentre era di turno nell’area di emergenza un medico in prestito dalla Chirurgia generale.

L’uomo sarebbe arrivato nell’arra di emergenza con una ferita sanguinante. Per motivi non ancora chiari il paziente è andato in escandescenza, ha buttato a terra il pc del medico, la cassettiera e tutto il carteggio che si trovava sulla scrivania.

I carabinieiri, intervenuti su richiesta del personale sanitario, lo hanno bloccato direttamente in pronto soccorso e tradotto in caserma.

L’uomo è stato denunciato per danneggiamento e interruzione di servizio di pubblica utilità.

Commenta così il presidente del comitato di Castelvetrano della Croce Rossa Italiana Giuseppe Cardinale la vicenda: “Una vile aggressione, l’ennesima, da parte di un uomo contro uomini e donne che sono lì col solo scopo di aiutare e salvare ogni giorno vite umane con grande professionalità, umanità e spirito di sacrificio”. I volontari della Cri per alcuni mesi hanno collaborato nell’accoglienza dei pazienti in pronto soccorso: “Un gesto così vile non fermerà mai la scelta dì vita di questi uomini ma i danni arrecati alla struttura ed agli strumenti in dotazione per la corretta cura di tutti certamente causeranno delle criticità a danno dell’intera collettività“, promette Cardinale.

Vito Barraco

“Nulla può giustificare un atto di violenza, soprattutto se questa violenza è rivolta contro chi ogni giorno spende la propria vita per tutelare la salute dei cittadini“. Lo dice Vito Barraco, presidente dell’Ordine dei medici, chirurghi e odontoiatri della Provincia di Trapani, alla notizia dell’aggressione subita ieri dal medico del pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano. “Stiamo vivendo un momento difficile e complesso – è ancora Barraco – costantemente sotto attacco di un nemico invisibile e letale, il Covid-19, che vede noi medici perennemente in prima linea”. Barraco ha espresso vicinanza e solidarietà alla dirigenza medica e al personale sanitario dell’ospedale di Castelvetrano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.