Giovani per il Sociale: a Palermo si gira "Una signorina con sesamo", il corto di Moschella&Mulè :ilSicilia.it
Palermo

Il 14 maggio il primo ciak a Palermo

Giovani per il Sociale: a Palermo si gira “Una signorina con sesamo”, il corto di Moschella&Mulè

7 Maggio 2018

Il 14 maggio 2018 il primo ciak a Palermo. Moschella&Mulè e Ciprì impegnati in un nuovo progetto cinematografico.

Moschella e Mulè
Moschella e Mulè

Si intitola “Una signorina con sesamo” il film breve di Giuseppe Moschella. Il progetto audiovisivo (15′) è scritto e sarà diretto da Giuseppe Moschella, la produzione è di Cammelli con il sostegno di NuovoImaie di Roma; la direzione della fotografia sarà curata da Daniele Ciprì, tra gli attori principali, Mario Pupella, ed Emanuela Mulè, la colonna sonora sarà composta da Lino Costa. Altri interpreti: Tommaso Caporrimo, Marco Feo, Nando Chifari ed Aurora Padalino.

La produzione del film avrà anche una valenza sociale e coinvolgerà i “ragazzi del Centro Tau” che negli ultimi anni hanno partecipato al Progetto “Centro Tau – Officina di Promozione Socio Culturale alla Zisa di Palermo” sostenuto dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dell’azione “Giovani per il Sociale”.

Durante la produzione i ragazzi del Centro Tau faranno un workshop sulla produzione di un’opera cinematografica e collaboreranno con la produzione sia nella fase di ambientazione che di realizzazione. Il progetto artistico cinematografico infatti prevede come location il quartiere Zisa e il rione Danisinni e gli interni del Centro Tau.

Un backstage racconterà l’esperienza del coinvolgimento dei ragazzi e presenterà l’esperienza del Centro Tau per la crescita dei giovani e lo sviluppo del territorio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.