Giovani sempre più a rischio in tempi di Covid, Pira: “C’è un’emergenza educativa” :ilSicilia.it

il commento del sociologo dopo la morte di una bambina a causa di una challenge

Giovani sempre più a rischio in tempi di Covid, Pira: “C’è un’emergenza educativa”

di
24 Gennaio 2021

“Purtroppo riparleremo dei rischi che corrono i piu’ piccoli sui social network quando la cronaca ci restituira’ un altro caso dopo quello terribile di oggi di Palermo. Dobbiamo prendere atto che c’e’ un’emergenza educativa che si e’ acuita con l’uso eccessivo di tecnologie per l’emergenza pandemica”. Cosi’ Francesco Pira, professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Universita’ di Messina, commenta il caso della bimba di 10 anni morta per soffocamento dopo una challenge su Tik Tok.

I social network – prosegue il sociologo che ha svolto sul fenomeno Tik Tok numerose ricerche – sono ormai i luoghi prevalenti di costruzione identitaria. Una delle caratteristiche principali che emergono dalla mia ultima ricerca delle dinamiche comunicative social e’ l’individualismo, la concentrazione su di se’. Mi capita di parlare in conferenze ed incontri con adulti, genitori e docenti ignari rispetto all’esistenza stessa di Tik Tok sugli smarthphone di figli e studenti, a fronte di un fenomeno che vede oltre 700 mila utilizzatori attivi al mese e piu’ di 1 miliardo di utenti“.

Tik Tok – prosegue lo studioso – e’ facile da installare, non serve neanche un profilo, utilizzatori sono i bambini in particolar modo, ben al di sotto dei 13 anni, limite di eta’ previsto per l’iscrizione”. Il sociologo lancia anche l’allarme “sulle sfide sempre piu’ assurde, pericolose, sui minori che espongono la propria immagine senza alcuna protezione. Tutti possono vedere tutti, senza restrizioni o blocchi”.

Secondo il professor Pira occorre intervenire subito: “bisogna innescare un nuovo processo culturale che deve investire la politica, il mondo dell’informazione, il sistema dell’istruzione e della conoscenza. Se ciascuno riesce a recuperare il proprio ruolo e torna a guidare il processo, costruendo nuove regole e non semplicemente adottando regole e strumenti che l’industria del web realizza per alimentare il proprio business, allora sara’ possibile invertire l’attuale tendenza“.

LEGGI ANCHE

Si soffoca con una cintura per una sfida sui social: bambina di 10 anni finisce in rianimazione

Gioco fatale su TikTok: morte cerebrale per bambina di Palermo

L’autopsia sulla bambina di Palermo: “morta per asfissia”, indagini sul cellulare

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin