Giovanni Brusca resta in carcere. Respinta la richiesta di mandarlo ai domiciliari | ilSicilia.it :ilSicilia.it

lo ha deciso la cassazione

Giovanni Brusca resta in carcere. Respinta la richiesta di mandarlo ai domiciliari

8 Ottobre 2019

Rimane in carcere Giovanni Brusca: la Cassazione ha infatti respinto la richiesta dei suoi legali di ottenere la detenzione domiciliare.

Brusca continua dunque a scontare la sua pena nel carcere di Rebibbia.

Nelle scorse ore, l’ipotesi che il pentito potesse essere scarcerato e ottenere gli arresti domiciliari aveva destato sdegno nel Paese. Era intervenuta, fra gli altri, Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, che aveva espresso la propria contrarietà a questa possibilità, sottolineando l’alto numero di permessi ottenuti negli anni dal boss.

LEGGI ANCHE:

Ma scherziamo? Assurdo mandare Giovanni Brusca ai domiciliari

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03