Girgenti Acque. Appalto da 31,5 milioni affidato senza gara al gestore. Scatta l'indagine :ilSicilia.it
Agrigento

opere per 31 milioni e mezzo di euro

Girgenti Acque. Appalto affidato senza gara. Scatta l’indagine

di
22 Marzo 2018

Il pool che indaga sulla presunta rete affaristica che sarebbe stata allestita attorno a Girgenti Acque, il gestore idrico dell’Agrigentino, sta esaminando l’affidamento dei lavori per il rifacimento della rete idrica di Agrigento.

Opere da 31 milioni e mezzo di euro, proprio alla Girgenti Acque. Dieci anni fa i sindaci dell’Ato (Ambito territorio ottimale) assegnarono l’opera direttamente alla società senza neppure una gara di appalto.

I pm Salvatore Vella, Paola Vetro e Alessandra Russo, coordinati dal procuratore Luigi Patronaggio, stanno esaminando la convenzione, firmata nel 2008 dall’allora presidente della Provincia, Vincenzo Fontana, che è indagato insieme ad altre 73 persone fra politici a tutti i livelli, vertici di Girgenti Acque e professionisti.

Nei giorni scorsi, il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, e l’assessore comunale competente, Nello Hamel, avevano reso noto che l’Ati aveva concluso l’iter del progetto di rifacimento della rete idrica e che si attendeva soltanto il decreto della Regione.

Gli amministratori presumevano che i cantieri si sarebbero potuti aprire entro tre mesi. Questa è la seconda tegola che si abbatte sul gestore i cui vertici, questo mese, a Sciacca devono rispondere di truffa aggravata davanti al tribunale saccense.

Il procuratore Roberta Buzzolani e il sostituto Carlo Boranga, infatti, hanno firmato un atto di citazione diretta, il processo inizierà il 13 giugno.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin