Girgenti Acque, Micciché: "Tutto già chiarito" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Girgenti Acque, Micciché: “Tutto già chiarito”

di
23 Giugno 2021

“Non ho nessuna preoccupazione, è una vicenda che ho chiarito già quando mi sono candidato. L’indagine riguarderebbe un finanziamento illecito in campagna elettorale, ma quando mi sono candidato ho consegnato tutte le carte all’Ars e li’ risultano tutti i contributi che ho ricevuto, tra cui anche questo. Da parte mia è stato fatto tutto quello che andava fatto“. A dirlo è il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, che risulta tra gli indagati nell’inchiesta giudiziaria relativa alla società Girgenti Acque, gestore del servizio idrico integrato per la Provincia di Agrigento.
“Se c’è una cosa che non mi fa stare tranquillo è che mia figlia ha saputo prima di me la notizia. Sono storture che vanno eliminate – aggiunge Miccichè –. E’ la prima volta che sono indagato in 27 anni di politica, non sono abituato, ma la cosa che mi fa piu’ male e’ che mia figlia e mia moglie l’abbiano saputo prima di me. Che queste notizie si debbano avere dalla stampa e non dalle istituzioni e’ una cosa che dispiace“.

IL SOSTEGNO DI ANDREA MINEO

Riponiamo la massima fiducia e stima nei confronti del Presidente Miccichè. Politico illuminato e perbene da sempre impegnato per la nostra Regione. Siamo certi che questa vicenda dai contorni già pressoché chiari sarà presto derubricata“. Lo afferma Andrea Mineo Consigliere Comunale di Palermo e Coordinatore Regionale di Forza Italia Giovani Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin