Girgenti Acque, Musumeci: "Miccichè dimostrerà sua estraneità" :ilSicilia.it
Agrigento

L'intervento

Girgenti Acque, Musumeci: “Miccichè dimostrerà sua estraneità”

di
23 Giugno 2021

“Per me fino a quando non si conclude il processo di chiunque non posso far altro che rimanere soltanto rispettoso dell’operato della Magistratura. Sono convinto che il presidente Miccichè saprà far valere le proprie ragioni e dimostrare la sua assoluta estraneità ai fatti.

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, rispondendo a una domanda sul coinvolgimento del presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, nell’inchiesta della Procura di Agrigento su Girgenti Acque.

Che Agrigento fosse culla del malaffare sul fronte dell’acqua tutti lo sapevano per decenni, ma sono mancati gli interventi energici – ha aggiunto il governatore siciliano -. Speriamo che da questo momento grazie all’impegno della Magistratura, della quale continuiamo a seguire le evoluzioni, si possa fare luce. Ma non innamoriamoci degli avvisi di garanzia, non appartengo a questo giustizialismo – ha precisato Musumeci –. Smettiamola perché poi dovremmo chiedere scusa all’indiziato dopo avergli distrutto la vita”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Girgenti Acque, Micciché: “Tutto già chiarito”

Girgenti Acque: indagati anche Miccichè, Scoma e Pitruzzella

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin