22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11
Palermo

La competizione si è svolta con due tipologie di percorso

Giro della Sicilia: premiati gli atleti e presentata l’edizione del 2020

3 Maggio 2019
'
'
'
'
'

Guarda in alto le foto

Si è celebrata giovedì 2 maggio 2019, all’interno del Pollina Resort, la premiazione degli atleti vincitori dell’edizione 2019 del Giro della Sicilia, competizione amatoriale organizzata dall’ASD GS Mediterraneo, associazione sportiva dilettantistica composta da imprenditori e liberi professionisti siciliani che fanno della promozione sportiva e del territorio siciliano il loro must. L’obiettivo della manifestazione è difatti quello di valorizzare a pieno le bellezze del nostro territorio e di far emergere i valori del popolo siciliano.

La competizione si è svolta con due tipologie di percorso: il percorso medio, composto da tre tappe, e il percorso lungo, composto da cinque tappe. All’interno della conferenza stampa, sono stati premiati i primi tre atleti classificati nelle due categorie, sia per la sezione maschile che per la sezione femminile. Ai vincitori è stato donato un piatto in ceramica, realizzato dall’artigiano palermitano Toni Pantuso, e delle bottiglie di vino delle Cantine Planeta.

Il percorso si è snodato all’interno di tre parchi nazionali siciliani (Nebrodi, Madonie e peripleo dell’Etna), raggiungendo i 1600 metri di altitudine ed attraversando vari borghi siciliani. Le tappe sono state contraddistinte dal bel tempo che ha permesso ai partecipanti di godersi il meraviglioso panorama siciliano.

All’interno della cerimonia di premiazione, è stato presentato il percorso della futura edizione del 2020, la quale partirà all’interno del mondo barocco della Val di Noto.

Presenti, oltre che gli atleti e i club partecipanti da tutta Europa, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, la vice-sindaco di Pollina, Angela Genchi, e una rappresentanza dei sindaci dei Nebrodi. I rappresentanti delle istituzioni presenti sono state omaggiati di una ghianda decorata, simbolo della manifestazione.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.