Giro di Sicilia, il ritorno della gara ciclistica dopo 42 anni | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Presentata la manifestazione sportiva

Giro di Sicilia, il ritorno della gara ciclistica dopo 42 anni

di
26 Marzo 2019

Quattro tappe per 708 chilometri complessivi. Ritorna dopo 42 anni il Giro di Sicilia di ciclismo organizzato da ‘La Gazzetta dello Sport’ e ‘Rcs Sport’, che sarà di nuovo protagonista del calendario italiano, dal 3 al 6 aprile, grazie al finanziamento della Regione. La prima tappa si terrà da Catania a Milazzo, la seconda da Capo d’Orlando a Palermo, con salita sulle Madonie; terza tappa da Caltanissetta a Ragusa e chiusura con la Giardini Naxos-Etna con arrivo in salita.

musumeciAbbiamo sposato l’iniziativa con due obiettivi – ha spiegato il presidente della Regione, Nello Musumeci, presentando questa mattina l’iniziativa – Il primo è quello di promuovere la conoscenza del territorio ed il giro ciclistico è uno dei modi per promuovere un territorio“. Il secondo obiettivo, ha aggiunto Musumeci, “è il rilancio del connubio bicicletta-Sicilia. Nella nostra isola la cultura ciclistica ha tradizioni antiche e solide. Purtroppo mancano velodromi, mancano le piste adatte, non e’ stata curata la segnaletica per questo tipo di pratica. C’è stata una lunga e perdurante distrazione“.

L’accordo con Rcs prevede la realizzazione di tre edizioni del Giro nei tre anni successivi. “In tre anni – ha spiegato Paolo Bellino amministratore delegato di Rcs Sport – copriremo tutta la Sicilia“. Il giro di Sicilia, infatti, lascerà anche una mappatura del territorio e delle strade “oggi professionisti e amatori vanno a fare la preparazione alle Canarie. Il Giro di Sicilia può davvero rappresentare una opportunità per l’Isola“, ha aggiunto. Intento, è “agganciare” una gara amatoriale al Giro di Sicilia.

Sandro Pappalardo

Per noi del governo Musumeci è una grandissima soddisfazione – ha detto l’assessore al turismo Sandro Pappalardoabbiamo lavorato tanto perché ci credevamo, volevamo riportare il giro di Sicilia nell’Isola, oramai dimenticata da troppi anni. Ci siamo riuscii, abbiamo firmato questo contratto con Rcs per tre anni di giro di Sicilia per quarta tappe. Per noi e’ un evento molto importante non solo da un punto di vista sportivo ma anche turistico perché ci sara’ un incremento dei flussi turistici avremo la possibilità grazie alle riprese quanto è bella la nostra terra“. Il Giro di Sicilia, che ha come main sponsor Open Fiber, sarà coperto da 100 emittenti televisive diverse

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.