Giunta regionale e web, chi sale e chi scende nella gestione dei social network :ilSicilia.it

I numeri delle pagine dei rappresentanti istituzionali

Giunta regionale e web, chi sale e chi scende nella gestione dei social network

di
6 Giugno 2020

Il legame tra politica e social network oggi risulta essere un rapporto imprescindibile per chi, come i rappresentanti delle istituzioni eletti dal popolo (e non) devono, da una parte, diffondere il loro operato e, dall’altra, alimentare il consenso. Ma come si comportano i politici siciliani sui social?

Partiamo dal Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci (che si avvale di un professionista proprio per la cura dei social network). Il governatore risulta essere molto attivo su facebook, dove pubblica diversi post al giorno sulla sua pagina. Piace a ben 165 mila persone, che arrivano a superare quota 178 mila se si considerano i follower. Il governatore è particolarmente attivo anche su Instagram e su twitter, coni profili social che vengono aggiornati quotidianamente.

Uscendo per un attimo dal seminato del governo regionale, ‘presenzialista’ social anche il Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, che ha ben due profili personali su facebook, ognuno con quasi cinquemila amici, il massimo che il social media consenta, e una pagina pubblica verificata con circa 15 mila mi piace. Il viceré di Silvio Berlusconi in Sicilia predilige l’uso di Instagram, dove pubblica con frequenza stabile sia storie che altri contenuti ripostati anche su facebook. Costante l’aggiornamento del profilo twitter.

Un profilo Facbook e una pagina personale per l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, che sfiora i 6000 follower e che aggiorna i propri account con regolarità, anche se qualche volta vengono pubblicati post ‘doppioni’. Aggiornato spesso il profilo twitter, ma è instagram il social network dove l’assessore all’Economia dà il meglio di sé con aggiornamenti quotidiani (anche più volte al giorno).

Chi abbonda nell’uso di facebook è l’assessore Edy Bandiera: per lui ben due profili facebook e una pagina personale che supera i 6000 follower ma che viene aggiornata di rado (ad oggi l’ultimo post è del 5 maggio). Più frequente l’aggiornamento dei post su instagram, dove l’assessore all’Agricoltura sfiora i 1800 follower. Più di mille i ‘seguaci’ su twitter, ma degli 831 cinguettii, l’ultimo è datato 20 febbraio.

Tanti i fan della pagina personale facebook di Ruggero Razza, che superano quota 24 mila. Non sempre, per la verità, aggiornatissima la vetrina dell’assessore che però, va detto, si appoggia spesso alla pagina ufficiale della Regione siciliana per le comunicazioni istituzionali (e lo ha fatto in particolare durante l’emergenza coronavirus). Supera abbondantemente i 4000 follower il profilo instagram dell’assessore, sfiorano i 3000 quelli su twitter.

Buoni i risultati su facebook per l’assessore Roberto Lagalla: sulla sua pagina i follower sono 14.636, mentre su instagram raggiungono quota 2155.  Sono 4.383  i follower su twitter. Per Mimmo Turano , invece, 6870 follower sulla propria pagina facebook, aggiornata di frequente, sebbene non ogni giorno. Sono 320 i follower su instagram, mentre non risultano attivi profili attivi su twitter.

Marco Falcone è presente su facebook con diversi profili personali e una pagina seguita da più di 10.000 persone. Buone le performance anche su twitter, dove l’assessore conta 1.749 follower e un aggiornamento costante del profilo, e su instagram, dove si è accaparrato 3.142 follower.

Meno ‘social’ dei suoi colleghi è l’assessore Alberto Pierobon, che ha una pagina personale con 1189 follower, alla quale vanno aggiunti un profilo personale facebook, uno Instagram con 109 follower e uno twitter con appena 37 seguaci. Buone le performance social di Manlio Messina, con una pagina facebook seguita da più di 11.000 follower e aggiornata spesso, più diversi profili personali. Quasi 3000 i follower su Instagram e 3.763 follower su twitter (ma in questo caso la pagina risulta non aggiornata da mesi).

Per meno di duecento persone la pagina facebook del neoassessore regionale ai Beni culturali Alberto Samonà non raggiunge i seimila follower, ai quali vanno aggiunte altre 3779 persone che lo seguono sul profilo personale. Quasi 900 i contatti su Instagram, mentre sono circa 500 i contatti. Aggiornato con discreta frequenza il profilo facebook dell’assessore Toto Cordaro, (2050 follower) che però è meno costante nell’aggiornamento del profilo twitter (1372 follower). Strana situazione quella relativa a Instagram, dove l’assessore ha creato un profilo ma non ha mai pubblicato nulla pur avendo 635 follower.

L’assessore regionale Bernardette Grasso si affida a una pagina facebook, aggiornata di frequente, per informare i siciliani sulle sue attività istituzionali (più di 8000 follower). Molto meno attiva su twitter, con periodi di mesi in cui non si è avuta traccia di post, diversamente da Instagram dove la titolare delle Autonomie è seguita da quasi 2500 persone, visto anche il costante aggiornamento del proprio profilo. Di Antonio Scavone , infine, risultano soltanto un profilo personale su facebook, con 1158 follower, e un profilo instagram con 158 ‘seguaci’, mentre non risultano profili attivi su twitter.

*Dati aggiornati al 4 giugno 2020

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.