15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

si configura il rischio di vedere sfumare importanti risorse

Giusi Bartolozzi contro il decreto sicurezza: “Tolti i beni confiscati alla Sicilia, a chi vanno i soldi?”

11 Ottobre 2018

Oltre al danno la beffa. Per effetto del decreto sicurezza che prevede al suo interno, tra gli articoli, la possibilità che i beni confiscati alla mafia in Sicilia confluiscano in un fondo unico nazionale, si configura il rischio concreto di vedere sfumare importanti risorse.

Il deputato di Fi Giusi Bartolozzi con un’interrogazione parlamentare prova a fare chiarezza: “Vorremmo capire dal 2011 quanti sono i beni confiscati  in Sicilia, quanti ne hanno venduti, a che cosa sono state destinate le somme. Non vorremmo scoprire che siano state utilizzate per investimenti al nord. Rimane da capire anche il valore medio a cui sono state vendute e la Regione di distribuzione di queste risorse”.

Nel fondo unico infatti non è previsto che ci sia una diretta corrispondenza tra il luogo di confisca, in questo caso la Sicilia e l’utilizzo delle risorse.

Nell’interrogazione presentata dal parlamentare forzista si fa riferimento all’incidenza del: ” paradosso, già contenuto nella norma previgente del codice del 2011 (art. 48, 10 c.), secondo il quale alle popolazioni che hanno subito il giogo mafioso è riservata una doppia penalizzazione – la prima dalla criminalità mafiosa, che si è arricchita con estensioni, racket, sfruttamento a danno di cittadini ed imprese, – la seconda dello Stato che, confiscando le ricchezze raccolte dai criminali e poi vendendone i beni sul mercato, non destina le risorse che da tale vendita derivano alle popolazioni vessate”.

Insomma, si chiede il parlamentare forzista, quante volte la Sicilia debba pagare un prezzo elevato rispetto alla premessa in questione?

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.