17 ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.26
caronte manchette
caronte manchette

si configura il rischio di vedere sfumare importanti risorse

Giusi Bartolozzi contro il decreto sicurezza: “Tolti i beni confiscati alla Sicilia, a chi vanno i soldi?”

11 ottobre 2018

Oltre al danno la beffa. Per effetto del decreto sicurezza che prevede al suo interno, tra gli articoli, la possibilità che i beni confiscati alla mafia in Sicilia confluiscano in un fondo unico nazionale, si configura il rischio concreto di vedere sfumare importanti risorse.

Il deputato di Fi Giusi Bartolozzi con un’interrogazione parlamentare prova a fare chiarezza: “Vorremmo capire dal 2011 quanti sono i beni confiscati  in Sicilia, quanti ne hanno venduti, a che cosa sono state destinate le somme. Non vorremmo scoprire che siano state utilizzate per investimenti al nord. Rimane da capire anche il valore medio a cui sono state vendute e la Regione di distribuzione di queste risorse”.

Nel fondo unico infatti non è previsto che ci sia una diretta corrispondenza tra il luogo di confisca, in questo caso la Sicilia e l’utilizzo delle risorse.

Nell’interrogazione presentata dal parlamentare forzista si fa riferimento all’incidenza del: ” paradosso, già contenuto nella norma previgente del codice del 2011 (art. 48, 10 c.), secondo il quale alle popolazioni che hanno subito il giogo mafioso è riservata una doppia penalizzazione – la prima dalla criminalità mafiosa, che si è arricchita con estensioni, racket, sfruttamento a danno di cittadini ed imprese, – la seconda dello Stato che, confiscando le ricchezze raccolte dai criminali e poi vendendone i beni sul mercato, non destina le risorse che da tale vendita derivano alle popolazioni vessate”.

Insomma, si chiede il parlamentare forzista, quante volte la Sicilia debba pagare un prezzo elevato rispetto alla premessa in questione?

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi. Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.