18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.31
Palermo

una decisione che fa discutere

Giusto Catania (Sc): “Difendo la scelta di Orlando contro il decreto Salvini”

3 Gennaio 2019

La scelta del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, di sospendere il “decreto sicurezza” varato dal governo centrale ha fatto discutere tutto il Paese, politica e società civile. I sindaci di sinistra si sono schierati dalla parte dell’inquilino di Palazzo delle Aquile e ora arriva l’appoggio “interno” di Sinistra Comune in Consiglio comunale.

“Il sindaco Orlando dice il capogruppo Giusto Catania –  parla a nome di tutti i cittadini palermitani quando contesta e sospende il decreto sicurezza. Un provvedimento che mette a repentaglio i diritti fondamentali della persona e la sicurezza di tutte e tutti. Inoltre, l’impianto razzista del decreto è culturalmente lontano dalla nostra visione di città, accogliente, aperta alle contaminazioni, interculturale”.

“Del resto – continua –  il Consiglio comunale, che è la rappresentanza di tutti i palermitani, si era già espresso in modo inequivocabile per non applicare il decreto Salvini a Palermo e per non autorizzare l’uso sperimentale del taser per la polizia municipale. In entrambi i casi il nostro gruppo consiliare ha sollecitato la discussione in aula, raccogliendo l’adesione della maggioranza”.

“Mi preme sottolineare inoltre che la sospensione del decreto Salvini rappresenta  la risposta all’interrogazione da noi formulata a novembre: chiedevamo infatti al sindaco di autorizzare l’iscrizione anagrafica dei cittadini che, a seguito del provvedimento, rischiavano di restare senza residenza nella nostra città”.

“Riteniamo importante che si continui in questa battaglia di civiltà che il sindaco Orlando sta conducendo a nome della città di Palermo; per questa ragione – conclude Catania – aderiamo con convinzione alla mobilitazione spontanea di palermitani che domani esprimerà sostegno e condivisione davanti palazzo delle Aquile”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.