Gli anelletti al forno e il pititto si apre | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Meraviglia culinaria siciliana

Gli anelletti al forno e il pititto si apre

25 Giugno 2018

Gli anelletti al forno fanno venire la fame pure agli inappetenti più incrollabili. La vostra Patti Holmes lo sa perché era una bimba che di mangiare non ne voleva sapere e buttava nella disperazione i genitori, soprattutto la madre, più apprensiva, rispetto al rilassato padre che, da medico, le ripeteva: “Mangerà, tranquilla, sarà il suo corpo ad ordinaglielo“.

Le matriarche di casa, però, volendo fare acquistare alla piccola quattr’ossa un po’ di carne, escogitarono di provare con la pietanza delle pietanze che, fino a quel momento, non aveva lasciato indifferente nessuno, ma proprio nessuno: la mitica: “Pasta al Forno”, anzi per la precisione “Anelletti al forno“. Il piano ebbe successo e, infatti, non appena la cucina cominciò a profumare di tutti quegli irresistibili odori, la piccola si piazzò con occhi voraci, mai questo aggettivo era stato usato per definirla, ad osservare i passaggi che avrebbero portato alla realizzazione di quel piatto di Dei che per lei era, però, di fate, principesse, principi e cavalieri. Da quel momento in poi anche il padre dovette ammettere che “Ubi anelletti al forno, inappetenza cessat“.

Oggi, che diventata donna, è sempre affamata, continua ad avere occhi voraci e roteanti, da cartone animato giapponese, ogni volta che gli anelletti, la sua oasi culinaria, le appaiono. Andiamo alla ricetta trascritta sotto la rigida dettatura della madre, Master Chef in cucina sicula.

Ecco la ricetta per preparare gli anelletti al forno

Dosi

1 kg. di anelletti

1 kg. di carne macinata (metà vitello e metà maiale)

300 g. di piselli

4 uova sode

2 etti di prosciutto cotto

2 etti di parmigiano grattugiato

burro

1/2 litro di salsa di pomodoro

1/2 litro di besciamella (fatta a casa o comprata)

2 melanzane lunghe

olio

sale

Preparazione del sugo

  • Fare un soffritto con cipolla, sedano e carota e a metà cottura versare la carne macinata.
  • Quando è ben rosolata, aggiungere un bicchiere di vino rosso e salare.
  • Dopo aver fatto assorbire il vino, aggiungere la passata di pomodoro. Farla cuocere a fuoco bassissimo per un’oretta.
  • In una casseruola, intanto, far soffriggere la cipolla, buttarvi i piselli e salare.
  • In padella friggere le melanzane lunghe e a tocchetti in abbondante olio e, a cottura ultimata, sistemarle in carta assorbente e salare.

Preparazione besciamella (buona anche quella comprata)

  • Fare tostare 1 etto di burro con 4 cucchiai di farina.
  • Aggiungere 1/2 litro di latte tiepido e fare addensare come la crema.
  • Tolta dal fuoco, aggiungere parmigiano a piacere.

Preparazione anelletti al forno

  • Fare bollire gli anelletti in acqua bollente salata e colarli molto al dente.
  • Mescolare alla pasta metà di sugo, besciamella, piselli e parmigiano a piacere.
  • In una teglia oliata, e spolverizzata di pangrattato, procedere a strati: uno di anelletti conditi; il sugo rimasto; uova sode e prosciutto cotto tagliati sottilmente; melanzane fritte a tocchetti e parmigiano grattugiato. Ripetere un secondo strato e, all’ultimo, tocchetti di burro, pangrattato e parmigiano.
  • Infornare a 180 gradi per circa 20 minuti. Capirete che è pronta non appena si sarà formata una leggera crosticina.
  • Per renderla più scenografica aggiungere un rametto di basilico.

La tecnica di mamma Patti Holmes, per la riuscita di qualsiasi piatto, è assaggiare sempre, solo così potrete avere il polso della situazione. Buon appetito con gli anelletti delle meraviglie made in Sicilia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona