Gli anelletti al forno e il pititto si apre | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Meraviglia culinaria siciliana

Gli anelletti al forno e il pititto si apre

25 Giugno 2018

Gli anelletti al forno fanno venire la fame pure agli inappetenti più incrollabili. La vostra Patti Holmes lo sa perché era una bimba che di mangiare non ne voleva sapere e buttava nella disperazione i genitori, soprattutto la madre, più apprensiva, rispetto al rilassato padre che, da medico, le ripeteva: “Mangerà, tranquilla, sarà il suo corpo ad ordinaglielo“.

Le matriarche di casa, però, volendo fare acquistare alla piccola quattr’ossa un po’ di carne, escogitarono di provare con la pietanza delle pietanze che, fino a quel momento, non aveva lasciato indifferente nessuno, ma proprio nessuno: la mitica: “Pasta al Forno”, anzi per la precisione “Anelletti al forno“. Il piano ebbe successo e, infatti, non appena la cucina cominciò a profumare di tutti quegli irresistibili odori, la piccola si piazzò con occhi voraci, mai questo aggettivo era stato usato per definirla, ad osservare i passaggi che avrebbero portato alla realizzazione di quel piatto di Dei che per lei era, però, di fate, principesse, principi e cavalieri. Da quel momento in poi anche il padre dovette ammettere che “Ubi anelletti al forno, inappetenza cessat“.

Oggi, che diventata donna, è sempre affamata, continua ad avere occhi voraci e roteanti, da cartone animato giapponese, ogni volta che gli anelletti, la sua oasi culinaria, le appaiono. Andiamo alla ricetta trascritta sotto la rigida dettatura della madre, Master Chef in cucina sicula.

Ecco la ricetta per preparare gli anelletti al forno

Dosi

1 kg. di anelletti

1 kg. di carne macinata (metà vitello e metà maiale)

300 g. di piselli

4 uova sode

2 etti di prosciutto cotto

2 etti di parmigiano grattugiato

burro

1/2 litro di salsa di pomodoro

1/2 litro di besciamella (fatta a casa o comprata)

2 melanzane lunghe

olio

sale

Preparazione del sugo

  • Fare un soffritto con cipolla, sedano e carota e a metà cottura versare la carne macinata.
  • Quando è ben rosolata, aggiungere un bicchiere di vino rosso e salare.
  • Dopo aver fatto assorbire il vino, aggiungere la passata di pomodoro. Farla cuocere a fuoco bassissimo per un’oretta.
  • In una casseruola, intanto, far soffriggere la cipolla, buttarvi i piselli e salare.
  • In padella friggere le melanzane lunghe e a tocchetti in abbondante olio e, a cottura ultimata, sistemarle in carta assorbente e salare.

Preparazione besciamella (buona anche quella comprata)

  • Fare tostare 1 etto di burro con 4 cucchiai di farina.
  • Aggiungere 1/2 litro di latte tiepido e fare addensare come la crema.
  • Tolta dal fuoco, aggiungere parmigiano a piacere.

Preparazione anelletti al forno

  • Fare bollire gli anelletti in acqua bollente salata e colarli molto al dente.
  • Mescolare alla pasta metà di sugo, besciamella, piselli e parmigiano a piacere.
  • In una teglia oliata, e spolverizzata di pangrattato, procedere a strati: uno di anelletti conditi; il sugo rimasto; uova sode e prosciutto cotto tagliati sottilmente; melanzane fritte a tocchetti e parmigiano grattugiato. Ripetere un secondo strato e, all’ultimo, tocchetti di burro, pangrattato e parmigiano.
  • Infornare a 180 gradi per circa 20 minuti. Capirete che è pronta non appena si sarà formata una leggera crosticina.
  • Per renderla più scenografica aggiungere un rametto di basilico.

La tecnica di mamma Patti Holmes, per la riuscita di qualsiasi piatto, è assaggiare sempre, solo così potrete avere il polso della situazione. Buon appetito con gli anelletti delle meraviglie made in Sicilia.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.