15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

"Matteo stai sereno"!

Gli avvoltoi volteggiano invano sulla testa di Renzi

28 Ottobre 2017

Gli avvoltoi volteggiano già da tempo sulla testa di Renzi, e lo faranno invano ancora a lungo.

Perché le previsioni, pessimistiche (per alcuni), ottimistiche (per altri), sull’imminente tracollo politico del segretario del PD sono infondate. Certo, il brillante astro della politica italiana, ora si è un pò offuscato, ha più l’aspetto della meteora. Il Renzi che un tempo entusiasmava le folle, adesso in giro in treno raccoglie più fischi che applausi. Ma questo non ci autorizza a darlo per politicamente spacciato, anzi.

Se infatti analizziamo lucidamente la situazione, rispetto ad un anno fa, Matteo Renzi oggi è più forte. E’ vero, ha preso la sventola del Referendum, ma è ancora il segretario di un partito centrale nel sistema politico italiano.

E grazie alla scissione, che egli ha sicuramente facilitato, si è liberato della zavorra della componente dalemiana-bersaniana, e senza gli eredi della tradizione comunista, il PD è diventato un partito di centro con una spruzzatina di rosso (Orlando e Cuperlo), sul quale Renzi ha il pieno controllo.

Un partito che sembra tenere anche sul piano elettorale. Leggiamo infatti che l’ultimo sondaggio dell’Istituto SWG del 26 ottobre, valuta il PD al 26,8 per cento; e se a questa cifra sommiamo le proiezioni sulle aree che nelle elezioni politiche del 2013 erano alleate o interne al PD, il 3,7 per cento di Pisapia, Socialisti, Verdi e SVP, il 5,5 per cento di MDP, Sinistra Italiana e Rifondazione, si arriva al 36 per cento, circa sei punti in più dei consensi ottenuti dalla coalizione “Italia Bene Comune” guidata da Bersani.

Inoltre il Rosatellum, la legge elettorale appena approvata, consentirà alle segreterie dei partiti la totale facoltà di scegliere chi siederà in Parlamento; praticamente niente di diverso da quello che avveniva col Porcellum, col quale sono stati eletti tutti i parlamentari della presente legislatura, compresi coloro che criticano il nuovo sistema elettorale. Ergo, Renzi che ha un forte controllo sull’apparato, potrà decidere i nomi della maggior parte dei futuri parlamentari PD, consolidando ulteriormente la sua presa sul partito.

In conclusione Renzi sopravviverà anche alla probabile sconfitta del centrosinistra alle elezioni siciliane, ed a meno di congiure di “Palazzo”, continuerà a lungo ad avere un ruolo importante all’interno della scena politica italiana. “Matteo stai sereno”!

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.