26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

La replica del vicepremier: "Al massimo gli mandiamo un Bacio Perugina"

Gli immigrati della Diciotti ora chiedono i danni a Conte e Salvini

21 Febbraio 2019

Un ricorso d’urgenza per chiedere il risarcimento dei danni per privazione della libertà personale.

E’ quello che uno studio legale ha presentato al Tribunale civile di Roma per difendere le posizioni di 41 immigrati (compreso il figlio minore di una coppia) che si trovavano a bordo della Diciotti.

Lo si apprende da fonti del Viminale, che spiegano come gli stranieri si siano poi rifugiati da Baobab Experience.

I ricorrenti chiedono al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro dell’Interno Matteo Salvini, una cifra a titolo di risarcimento che oscilla tra i 42 mila e i 71 mila euro.

“Permettetemi di rispondere con una grassa risata, tutti nati il primo gennaio, tutti scomparsi, non prendessero in giro gli italiani, la pacchia è finita, i barconi non arrivano più, al massimo gli mandiamo un Bacio Perugina“. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno Salvini, ad Assemini (Cagliari), rispondendo alle domande dei giornalisti a proposito della richiesta di risarcimento da parte dei 41 immigrati della Diciotti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.