19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37

l'esplosione gli avrebbe provocato un’ustione

Gli scoppia l’iPhone che aveva nella tasca posteriore dei pantaloni, si indaga sulle cause

2 Gennaio 2019

Un iPhone XS avrebbe preso fuoco dalla tasca posteriore dei pantaloni di Josh Hillard, un utente Apple residente in Ohio: l’esplosione gli avrebbe provocato un’ustione alla parte superiore della gamba, questo è quanto è stato riportato da iDropNews, ancora non si conoscono le cause del malfunzionamento del dispositivo. Il telefonino era stato acquistato circa un mese prima.

Il cliente si sarebbe quindi rivolto ad Apple per chiedere la sostituzione del telefono e la società avrebbe, dunque, trattenuto il device, per effettuare tutti i controlli per risalire alla causa che ne avrebbe causato l’esplosione.

La società, però, non avrebbe provveduto a fornire un secondo  iPhone in sostituzione di quello andato a fuoco.

L’ipotesi più plausibile è quella di un possibile difetto hardware e potrebbe trattarsi di una problema della batteria: in quanto le batterie al litio sono delicate, può essere sufficiente, infatti, un surriscaldamento, un urto o un cortocircuito per alimentarne le fiamme.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.