Gli trovano 190 ovuli di cocaina nello stomaco, arrestato :ilSicilia.it
Caltanissetta

Recluso al Malaspina

Gli trovano 190 ovuli di cocaina nello stomaco, arrestato

di
6 Giugno 2020

Un cittadino nigeriano residente a Campobello di Mazara (Trapani), M.C., di 31 anni, è stato arrestato a Caltanissetta dai carabinieri per traffico di stupefacenti: aveva 190 ovuli di cocaina nello stomaco.

L’uomo, ora accusato di traffico di stupefacenti, è stato fermato per un controllo non appena sceso da un autobus proveniente da Palermo. Una volta bloccato, ha accusato dolori all’addome ed è stato portato nel Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Elia, dove è stata accertata la presenza della cocaina, in totale 115 grammi.

La droga, una volta recuperata è stata sequestrata. Il nigeriano è stato recluso nel carcere Malaspina di Caltanissetta. L’autorità giudiziaria ha già convalidato l’arresto e confermato la custodia cautelare in carcere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.