Glovo: a Palermo rider in stato di agitazione :ilSicilia.it
Palermo

LA DENUNCIA DELLA NIDIL CGIL

Glovo: a Palermo rider in stato di agitazione

di
22 Giugno 2021

Stato di agitazione dei lavoratori di Glovo. La decisione è stata presa oggi nel corso di un’assemblea in piazza Politeama, a Palermo.

“Per i lavoratori di Glovo  la situazione è diventata insostenibiledichiara il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso Da un lato, la perdita di guadagni di circa il 20% a partire da quando è stato sottoscritto l’accordo che abbiamo contestato tra Ugl e Assoldelivery. Questo ha comportato per Palermo compensi tra i più bassi d’Italia, che spesso sono inferiori ai 2 euro,  penalizzando i lavoratori che, col caldo torrido, stanno nel traffico e girano in moto a loro spese. Dall’altro lato, il fatto che, nell’ultimo mese in particolare, si stanno verificando moltissimi problemi legati all’applicazione. L’app chiede il riconoscimento facciale, procedura da poco introdotta, che comporta per i rider ogni giorno l’identificazione con un  selfie.  Spesso capita, per banali  errori di sistema o per problemi legati all’aspetto diverso di un lavoratore rispetto alla foto del documento personale, che l’identità del corriere non venga riconosciuta.  I rider vengono bloccati anche per due settimane. Lo riteniamo discriminatorio. Il riconoscimento facciale con l’app si blocca anche davanti a modifiche minime come il taglio di capelli o una barba accorciata o più lunga. Di frequente, per questo motivo, vengono rilevati errori nel punteggio e molti corrieri si sono visti scalare il punteggio d’eccellenza. Col punteggio inferiore, si ha difficoltà a trovare slot orari buoni e quindi si guadagna di meno”.

Per la prima volta, Glovo, l’11 giugno scorso, ha dato la sua disponibilità a un incontro col sindacato.  “Se da un lato l’azienda si è mostrata disponibile ad ascoltare le nostre richieste, tra cui quella di una sede fisica dell’azienda a Palermo e della consegna dei dispositivi di protezione ai Rider, fino ad oggi non è arrivata nessuna risposta ai problemi evidenziati. La situazione è diventata insostenibile”.

 “Come Nidil Cgil Palermo – prosegue Gattuso –  continuiamo  a chiedere che anche Glovo si allinei a quelle che sono le sentenze dei Tribunali, a partire da quello di Palermo alle indagini condotte dalla Procura di Milano, e che cambi modello di business inquadrando i propri corrieri per quello che realmente sono: lavoratori subordinati”.

“Non possiamo più sopportare che i lavoratori vengano trattati  come numeri, il cui unico confronto con l’azienda è una bot chat  – conclude il segretario Nidil – Non ci rassegniamo alla disumanizzazione del rapporto di lavoro e  all’asservimento alla logica dell’algoritmo. Le  persone che lavorano sono persone in carne ossa, le loro esigenze e i bisogni allo stato sono completamente trascurati”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin