Gocce di anatomia: la cervice uterina o collo dell’utero, conoscerli per prevenirne le malattie :ilSicilia.it

la rubrica di Francesco Cappello

Gocce di anatomia: la cervice uterina o collo dell’utero, conoscerli per prevenirne le malattie

di
27 Gennaio 2022

Gennaio è il mese dedicato alla prevenzione dei tumori del collo dell’utero. La circostanza ci dà l’opportunità di chiarire alcuni aspetti morfologici di questa importante regione anatomica.

L’utero è uno degli organi dell’apparato riproduttore femminile. In particolare appartiene ai cosiddetti “genitali interni” della donna, essendo quelli “esterni” rappresentati dal complesso vulvare. Tra i genitali interni invece annoveriamo le ovaie e le tube (organi pari), assieme all’utero e alla vagina (organi impari). L’utero si trova al centro della cavità pelvica, trovandosi dietro la vescica e davanti al retto. È inoltre in rapporto di continuità con la vagina e con le tube dove in genere avviene l’incontro tra l’ovocita prodotto ed espulso dall’ovaio, e gli spermatozoi, generante la fecondazione e lo sviluppo dello zigote, ossia la prima cellula del prodotto del concepimento che formerà l’embrione e i suoi annessi (placenta, cordone, etc.).

L’utero viene classicamente descritto avente una forma di una “pera capovolta”, con due facce (una anteriore, in rapporto con la vescica, e una posteriore, in rapporto col retto), due margini (ospitanti diversi legamenti di sostegno, tra cui il legamento largo), un fondo (in alto, in rapporto con lo sbocco delle tube), un corpo centrale, un sottile istmo e un collo, che si affaccia nella cavità vaginale.

L’utero ha la funzione di accogliere e far crescere l’embrione, facendo sviluppare il feto fino al parto. La sua parete, fatta da tre strati (dall’interno verso l’esterno, detti endometrio, miometrio e perimetrio) è quella che più si modifica durante la gravidanza, andando incontro a fenomeni di ipertrofia (ingrandimento delle cellule) e iperplasia (aumento del numero delle cellule). L’endometrio è, in particolare, lo strato che accoglie l’embrione, consentendone l’impianto. Ma perché avvenga la fecondazione, è necessario l’incontro tra l’ovocita e gli spermatozoi che dalla vagina devono ascendere nell’utero e raggiungere le tube. La “porta d’ingresso” dell’utero è rappresentato dal suo collo, anche detto “cervice”, la regione oggetto d’interesse della puntata odierna.

Il principale fattore di rischio per l’insorgenza del tumore della cervice è rappresentato dall’infezione da papilloma virus umano (HPV), che si trasmette prevalentemente con l’attività sessuale. La diagnosi precoce può essere effettuata tramite screening (esempio, PAP-test) ed è fortemente raccomandata la vaccinazione. Oltre alla vaccinazione, è importante anche uno stile di vita sano.

Aggiungiamo alcune importanti informazioni istologiche. Nella cervice uterina si verifica la transizione tra due epiteli di rivestimento differenti, quello della vagina e quello dell’utero, il primo è un epitelio squamoso stratificato, funzionale a offrire la giusta protezione da stress di tipo fisico e chimico nell’ambiente vaginale, il secondo è un epitelio colonnare semplice, atto a produrre un muco la cui fluidità varia a seconda della fase del ciclo ovarico, essendo più “permeabile” dopo l’ovulazione, per favorire l’ingresso degli spermatozoi. Abbiamo quindi una cosiddetta “giunzione squamo-colonnare”, analogamente ad altre regioni del nostro corpo come al livello della giunzione esofago-gastrica o delle corde vocali, giusto per fare due esempi di altrettante regioni molto delicate per il rischio di insorgenza di infiammazioni e neoplasie.

Episodi infiammatori di varia natura a carico della cervice uterina possono determinare fenomeni di disepitelizzazione e riepitelizzazione che, a lungo andare, possono portare alla formazione di piccole cisti ripiene di muco (dette “cisti di Naboth”, in genere asintomatiche) a causa dell’occlusione dello sbocco delle ghiandole mucose da parte dell’epitelio squamoso.

Un altro fenomeno parafisiologico abbastanza frequente è la formazione di polipi nel lume cervicale, che possono determinare anche episodi di sanguinamento in giorni lontani dal ciclo. Un altro esempio di patologie benigne che possono insorgere a questo livello è rappresentato dai miomi, piccoli tumori benigni costituiti da una proliferazione eccessiva delle cellule muscolari lisce della parete della cervice.

Ma la patologia più temuta e insidiosa è il cancro della cervice, per la quale uno degli strumenti di prevenzione migliore – al netto del vaccino – rimane il PAP-test (test di Papanicolaou, dal cognome del medico che lo ha ideato): esso consiste nel prelievo di un campione di cellule dall’orifizio vaginale del canale cervicale e nel loro esame tramite una specifica colorazione istochimica per valutarne lo stato di differenziazione (normale o alterata, inclusa la presenza di cellule tumorali) e lo stato di infiammazione del tessuto. Un test semplice e poco costoso che però può salvare la vita di molte donne, soprattutto in età fertile. Bisogna raccomandare quindi alle donne di informarsi col proprio medico sui tempi e sulle modalità per richiedere ed effettuare periodicamente l’esecuzione di questo test.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.