13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11
Messina

il cantiere potrebbe ripartire nel 2020

Golf di Taormina: a settembre transazione al Mise sui finanziamenti

21 Agosto 2019

Si deciderà con molta probabilità entro fine settembre il futuro del progetto per il campo da golf a Taormina, i cui lavori avviati nel 2007 a Trappitello sono ormai fermi da parecchio tempo.

È atteso, infatti, nel mese entrante un incontro tra l’attuale proprietà dei terreni di contrada Vareggio, la “Off Side” e il Ministero dello Sviluppo Economico per discutere la ratifica e relativa firma di una transazione tra le parti riguardante i finanziamenti a suo tempo persi dalla proprietà dell’area a seguito della bomba d’acqua che ha investito il complesso di contrada Vareggio nell’autunno 2011.

Si tratta di un passaggio fondamentale, dunque, sia per tornare ad avere a disposizione le risorse che occorrono al completamento delle opere, con la relativa ripartenza del cantiere, sia per l’arrivo di una nuova proprietà.

È in corso una trattativa con una nota compagnia alberghiera del Trentino Alto Adige, che sarebbe disponibile a subentrare nelle opere per il complesso ricettivo con annesso campo da golf. Prima di tutto, però, bisognerà vedere come si definirà la vicenda al Mise, dove un incontro avrà luogo nelle prossime settimane.

I lavori, in ogni caso, difficilmente potranno ripartire prima del 2020, calendario alla mano, perché bisognerà dirimere un altro aspetto altrettanto fondamentale che è quello della convenzione tra la casa municipale e i titolari del costruendo green. La convenzione per le opere è scaduta lo scorso maggio e bisognerà tornare in Consiglio comunale per deliberare un nuovo atto. 

Ora, intanto, i riflettori si sposteranno sulla stipula della transazione tra la “Off Side” e il Ministero dello Sviluppo Economico, in una causa che ha già visto prevalere il privato in sede di primo grado di giudizio, sulla questione dei finanziamenti bloccati. A suo tempo il Tribunale di Roma ha accolto un ricorso di “Consorzio Sicilia Golf Resort”, “Sicilia Golf Resort Srl” e della “Off Side Srl” che lamentavano inadempienze del Mise e della Regione Siciliana. Da qui arrivò la condanna del Ministero al pagamento delle somme di 19 milioni 262 mila 488 euro e 8 milioni 255 mila 352 euro, nonché anche la condanna della Regione Siciliana al pagamento di 8 milioni 255 mila 352 euro. Il Ministero, il mese entrante, potrebbe ora rendere nuovamente legittimi i contributi a suo tempo erogati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.