Gonzaga, lavoratori in sciopero della fame :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati chiedono la revoca dei licenziamenti

Gonzaga, sciopero della fame. I dipendenti cacciati: “Sono questi i valori cristiani?”

di
20 Gennaio 2017

 

“Dopo 20 anni di servizio veniamo mandati a casa”. E’ questo il grido di disperazione di 30 lavoratori del Centro educativo ignaziano (Cei), meglio conosciuto a Palermo come Gonzaga. I dipendenti che svolgono i servizi ausiliari in uno dei più importanti e prestigiosi istituti di istruzione gestito dai gesuiti ieri hanno iniziato lo sciopero della fame. i. Alcuni di loro, supportati dai rappresentanti dei sindacati, hanno realizzato sin dalle prime ore del mattino un presidio di protesta davanti ai cancelli della scuola. Nel pomeriggio è stato svolto un volantinaggio per parlare con i genitori nel corso dell’Infodays organizzato dalla scuola per presentare la propria offerta formativa. “Chiediamo solidarietà a voi genitori”, comincia così il testo del volantino distribuito dai lavoratori. “Siamo i lavoratori licenziati dal Gonzaga dopo in media più di 20 anni di servizio di assistenza, pulizia, giardinaggio svolto con dedizione e professionalità. Paghiamo il prezzo di una logica aziendalistica finalizzata al risparmio. Ci licenziano in massa per risparmiare sul costo del lavoro, lasciando noi e le nostre famiglie senza la dignità di un’occupazione e senza la certezza di uno stipendio a fine mese. Sono questi i valori cristiani? Da oggi noi iniziamo lo sciopero della fame”. Anche gli insegnanti sono stati oggetto di cambiamenti di tipo contrattuale. A loro è stato chiesto di sottoscrivere una trasformazione del proprio rapporto di lavoro in part-time con la riduzione del 5% del salario e del tempo di lavoro, con relativa decurtazione di tutti gli altri istituti retributivi, sia diretti che indiretti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin