Gonzaga, lavoratori in sciopero della fame :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati chiedono la revoca dei licenziamenti

Gonzaga, sciopero della fame. I dipendenti cacciati: “Sono questi i valori cristiani?”

di
20 Gennaio 2017

 

“Dopo 20 anni di servizio veniamo mandati a casa”. E’ questo il grido di disperazione di 30 lavoratori del Centro educativo ignaziano (Cei), meglio conosciuto a Palermo come Gonzaga. I dipendenti che svolgono i servizi ausiliari in uno dei più importanti e prestigiosi istituti di istruzione gestito dai gesuiti ieri hanno iniziato lo sciopero della fame. i. Alcuni di loro, supportati dai rappresentanti dei sindacati, hanno realizzato sin dalle prime ore del mattino un presidio di protesta davanti ai cancelli della scuola. Nel pomeriggio è stato svolto un volantinaggio per parlare con i genitori nel corso dell’Infodays organizzato dalla scuola per presentare la propria offerta formativa. “Chiediamo solidarietà a voi genitori”, comincia così il testo del volantino distribuito dai lavoratori. “Siamo i lavoratori licenziati dal Gonzaga dopo in media più di 20 anni di servizio di assistenza, pulizia, giardinaggio svolto con dedizione e professionalità. Paghiamo il prezzo di una logica aziendalistica finalizzata al risparmio. Ci licenziano in massa per risparmiare sul costo del lavoro, lasciando noi e le nostre famiglie senza la dignità di un’occupazione e senza la certezza di uno stipendio a fine mese. Sono questi i valori cristiani? Da oggi noi iniziamo lo sciopero della fame”. Anche gli insegnanti sono stati oggetto di cambiamenti di tipo contrattuale. A loro è stato chiesto di sottoscrivere una trasformazione del proprio rapporto di lavoro in part-time con la riduzione del 5% del salario e del tempo di lavoro, con relativa decurtazione di tutti gli altri istituti retributivi, sia diretti che indiretti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin