Google premia ilSicilia.it per il "Journalism Emergency Relief Fund" :ilSicilia.it

L’iniziativa a sostegno dell'editoria digitale

Google premia ilSicilia.it per il “Journalism Emergency Relief Fund”

di
24 Giugno 2020

Google premia ilSicilia.it con il Journalism Emergency Relief Fund.

Un premio particolare che il nostro quotidiano e la redazione vuole condividere con i suoi lettori, perché tutto questo è anche merito vostro.

Il Journalism Emergency Relief Fund

L’iniziativa di Google ha come obiettivo quello di promuovere la produzione di notizie originali per le comunità locali. Un sostegno importante nato in un momento critico a livello globale causa Covid-19.

Il comunicato dell’azienda

Il responsabile dell’innovazione della Google News Initiative Ludovic Blecher ha dichiarato che la “Google ha ricevuto oltre 12.000 domande da 140 paesi. Il 90% di tali domande proveniva da redazioni con meno di 26 giornalisti e che circa la metà di tali domande non ha soddisfatto i criteri necessari”.

Mark Peters, direttore delle partnership per Europa, Medio Oriente e Africa, ha dichiarato inoltre che: “Abbiamo ricevuto richieste da 88 paesi e, finora, abbiamo offerto finanziamenti a oltre 1.550 editori, ognuno dei quali dimostra la diversità e la forza delle comunità locali e dei giornalisti che continuano a servirli durante la crisi“.

I requisiti

I criteri adoperati dal management del noto motore di ricerca per le testate giornalistiche di piccole e medie dimensioni sono stati la produzione di notizie originali per le comunità locali durante l’emergenza sanitaria. Nello specifico, l’offerta di un servizio in una determinata area comunità geografica.

Fondamentale, ovviamente, è la presenza digitale e la conoscenza nell’editoria digitale.

La selezione

Google si è servito di oltre 300 specialisti che hanno unito le forze per selezionare le domande.

I beneficiari italiani sono ad oggi 280. Questi entreranno nella rete Google Partner e potranno utilizzare il logo di Google per le loro attività giornalistiche e godere del supporto dell’azienda. Il nostro giornale, ilSicilia.it, è orgoglioso del risultato ottenuto ma punta a migliorarsi sempre di più, per questo sta lavorando al potenziamento tecnologico, giornalistico e della presenza sui social per raggiungere nuovi importanti traguardi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin