10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.11

LE SUE PAROLE SU FACEBOOK

Governo, Cancelleri: “Felice della nomina a viceministro, sono pronto a rilanciare la Sicilia”

13 Settembre 2019

Sono davvero contento per aver ricevuto la nomina di viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti“. Lo scrive sul suo profilo Facebook Giancarlo Cancelleri, finora vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana. “Sono pronto a dare il mio contributo a questo Governo Conte e impegnerò tutte le mie energie per farlo al meglio -prosegue – Un ministero fondamentale soprattutto per il mio territorio che necessita di un immediato rilancio“.

Intanto il Movimento 5 Stelle rende noto, attraverso i suoi canali ufficiali, che Giancarlo Cancelleri si è dimesso dalla carica di deputato dell’Ars: “Il neo vice ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Giancarlo Cancelleri, ha presentato nel tardo pomeriggio di oggi le dimissioni dalla carica di deputato all’Ars, cosa che comporterà, di conseguenza, le dimissioni dalla carica di vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana“.

Cancelleri ha 44 anni ed è nato a Caltanissetta. Nel 2012 ha cominciato la sua carriera politica candidandosi a presidente della Regione Siciliana nella relativa tornata elettorale. Il 28 ottobre si piazza al terzo posto con il 18,17% dei voti, dietro al candidato del centro-sinistra Rosario Crocetta, eletto governatore, e a Nello Musumeci del centro-destra. Nonostante il risultato sul fronte presidenziale, viene comunque eletto deputato all’Assemblea Regionale Siciliana.

Nel 2017 decide di ricandidarsi a governatore della Sicilia per le elezioni regionali, dove stavolta si piazza al secondo posto con il 34,65% delle preferenze, dietro al candidato vincente Nello Musumeci, venendo rieletto però deputato in quanto presidente non eletto con il maggior numero di voti. Il 21 dicembre successivo ottiene il ruolo di vicepresidente dell’Ars, incarico che ora dovrà lasciare per spiccare il volo verso Roma.

Da deputato regionale, esponente di punta dei 5 stelle in Sicilia, si è da sempre impegnato per la realizzazione del raddoppio della Ragusa-Catania e per il completamento della Siracusa-Gela.

Le infrastrutture sono una casella chiave, per la strategia grillina. Proprio mentre nasceva la maggioranza che ha dato vita al Conte-bis, infatti, Cancelleri girava la Sicilia con Nuccio Di Paola: un tour in treno per “denunciare le penose condizioni del trasporto ferroviario nell’Isola e ricordare come le risorse per le infrastrutture continuano a essere spese per il Nord”.

Anche la sorella del neo viceministro Cancelleri, Angela, si trova a Roma come deputata nazionale, già alla seconda legislatura.

Con la nomina dell’ex deputato regionale si “liberano” due caselle: Cancelleri dovrà infatti dimettersi dal Parlamento regionale e il suo posto dovrebbe andare a Ketty Damante, prima dei non eletti nella lista provinciale del M5s a Caltanissetta. Damante è stata assessore nella giunta comunale a Gela con il sindaco Domenico Messinese. Ma Cancelleri lascia anche la vicepresidenza vicaria dell’Ars, il suo sostituto dovrà essere eletto dall’aula.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.