Governo, Cancelleri: "Felice della nomina a viceministro, sono pronto a rilanciare la Sicilia" :ilSicilia.it

LE SUE PAROLE SU FACEBOOK

Governo, Cancelleri: “Felice della nomina a viceministro, sono pronto a rilanciare la Sicilia”

13 Settembre 2019

Sono davvero contento per aver ricevuto la nomina di viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti“. Lo scrive sul suo profilo Facebook Giancarlo Cancelleri, finora vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana. “Sono pronto a dare il mio contributo a questo Governo Conte e impegnerò tutte le mie energie per farlo al meglio -prosegue – Un ministero fondamentale soprattutto per il mio territorio che necessita di un immediato rilancio“.

Intanto il Movimento 5 Stelle rende noto, attraverso i suoi canali ufficiali, che Giancarlo Cancelleri si è dimesso dalla carica di deputato dell’Ars: “Il neo vice ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Giancarlo Cancelleri, ha presentato nel tardo pomeriggio di oggi le dimissioni dalla carica di deputato all’Ars, cosa che comporterà, di conseguenza, le dimissioni dalla carica di vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana“.

Cancelleri ha 44 anni ed è nato a Caltanissetta. Nel 2012 ha cominciato la sua carriera politica candidandosi a presidente della Regione Siciliana nella relativa tornata elettorale. Il 28 ottobre si piazza al terzo posto con il 18,17% dei voti, dietro al candidato del centro-sinistra Rosario Crocetta, eletto governatore, e a Nello Musumeci del centro-destra. Nonostante il risultato sul fronte presidenziale, viene comunque eletto deputato all’Assemblea Regionale Siciliana.

Nel 2017 decide di ricandidarsi a governatore della Sicilia per le elezioni regionali, dove stavolta si piazza al secondo posto con il 34,65% delle preferenze, dietro al candidato vincente Nello Musumeci, venendo rieletto però deputato in quanto presidente non eletto con il maggior numero di voti. Il 21 dicembre successivo ottiene il ruolo di vicepresidente dell’Ars, incarico che ora dovrà lasciare per spiccare il volo verso Roma.

Da deputato regionale, esponente di punta dei 5 stelle in Sicilia, si è da sempre impegnato per la realizzazione del raddoppio della Ragusa-Catania e per il completamento della Siracusa-Gela.

Le infrastrutture sono una casella chiave, per la strategia grillina. Proprio mentre nasceva la maggioranza che ha dato vita al Conte-bis, infatti, Cancelleri girava la Sicilia con Nuccio Di Paola: un tour in treno per “denunciare le penose condizioni del trasporto ferroviario nell’Isola e ricordare come le risorse per le infrastrutture continuano a essere spese per il Nord”.

Anche la sorella del neo viceministro Cancelleri, Angela, si trova a Roma come deputata nazionale, già alla seconda legislatura.

Con la nomina dell’ex deputato regionale si “liberano” due caselle: Cancelleri dovrà infatti dimettersi dal Parlamento regionale e il suo posto dovrebbe andare a Ketty Damante, prima dei non eletti nella lista provinciale del M5s a Caltanissetta. Damante è stata assessore nella giunta comunale a Gela con il sindaco Domenico Messinese. Ma Cancelleri lascia anche la vicepresidenza vicaria dell’Ars, il suo sostituto dovrà essere eletto dall’aula.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.