Governo Draghi, Ignazio Corrao: "Chi lo sostiene non dimentichi il Sud" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Governo Draghi, Ignazio Corrao: “Chi lo sostiene non dimentichi il Sud”

di
9 Febbraio 2021

“Lungi dal voler giudicare le ragioni che spingono forze politiche dalle idee e dai programmi diametralmente opposti a sedersi attorno al nascente governo Draghi, sarebbe auspicabile che nel programma vi fosse la parola Sud. La pandemia da Coronavirus ha messo in ginocchio l’economia già flebile del Mezzogiorno, che se collassa, farà collassare l’intero Paese”. A dichiararlo è l’europarlamentare siciliano Ignazio Corrao a proposito del programma di governo del nascente governo Draghi.

Dalle prime indiscrezioni – sottolinea Corrao – il nuovo governo punterà su 8 aree macroeconomiche tra le quali troviamo le maxi riforme connesse al recovery come Pubblica amministrazione, giustizia civile e fisco, l’emergenza pandemica con un piano vaccinale degno di nota e quella ambientale ed economica strettamente correlate, senza dimenticare scuola e infrastrutture. L’elenco è lungo ma la parola Sud non è stata ancora pronunciata. Per questo richiamo i futuri responsabili a non cedere il passo alle pressioni di certe lobby e a cominciare a guardare al sud come opportunità per lo sviluppo dell’economia italiana ancora ad un’idea industriale che bacia Lombardia, Veneto o Emilia Romagna. Questa crisi sanitaria ci ha insegnato come il nord senza la forza lavorativa del meridione non avrebbe futuro. Questa diseguaglianza geopolitica, industriale e infrastrutturale ha creato un gap enorme negli anni che ha portato l’Italia ad una dipendenza dal nord nociva sia per il sistema produttivo sia per quello socio economico ed ambientale. Basti guardare ai livelli d’inquinamento lombardi dettati da sovraffollamenti delle città. Centinaia di migliaia di italiani, grazie anche allo smartworking hanno abbandonato le città del nord per la riscoperta dei loro territori e di quella libertà di scelta di cui non dovrebbero essere privati. Il futuro anche a livello europeo va in quella direzione con una vera e propria democratizzazione del luogo di lavoro. Per questo chiedo al promesso governo Draghi una riforma per il SUD con una chiara presa di posizione verso politiche che possano riequilibrare l’industria italiana, dando gli strumenti necessari al mezzogiorno per svilupparsi, un cambio di paradigma su come impostare la spesa per non ripetere gli errori del passato che hanno portato l’Italia nel baratro” – conclude Corrao.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin