Governo, Musumeci: "Quello che sembra certo è che siamo all'epilogo di una esperienza innaturale" :ilSicilia.it

il post del presidente della regione su facebook

Governo, Musumeci: “Quello che sembra certo è che siamo all’epilogo di una esperienza innaturale”

19 Agosto 2019

Si apre una settimana molto importante per l’Italia. Quello che sembra ormai certo è che siamo all’epilogo di una esperienza di governo innaturale e, per questa ragione, inevitabilmente destinata alla sua conclusione. Da presidente della Regione, da uomo delle istituzioni che ha profondo rispetto per i ruoli e per le regole della democrazia, auspico soltanto che si riesca ad avere presto un governo autorevole con il quale trattare e definire i contenziosi enormi ancora aperti tra il Sud (quindi la Sicilia) e lo Stato“.

Così sul suo profilo Facebook il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, che aggiunge: “Sembra che tutti si siano scordati del quadro desolante presentato dalla Svimez e, per dirla con Roberto Napoletano, sembra proprio che non vi sia consapevolezza della uscita dalla emergenza Sud – con il piano anche da me più volte evocato – come unica occasione di slancio economico per l’Italia. Quindi di crescita“.

Mi chiedo: può un governo fondato su un altro contratto, ma sempre e comunque tra opposte visioni della vita e della società, determinare quella autorevolezza indispensabile e quella forza politica necessaria? Dubito. Anche perché – sottolinea Musumeci – il rischio é dare vita a un governo di scopo, dove l’unico scopo é non restituire la parola al popolo sovrano. Il che é sempre un male se si considera che il popolo si é espresso a favore del centrodestra dal 2017, quando vincemmo in Sicilia, fino a pochi mesi fa. E ad ogni turno (regionali, nazionali, amministrative ed europee) ha sempre dato una indicazione netta. Non invidio il presidente Mattarella, ma appare fin troppo comodo lo sport con cui tutte le forze politiche si appellano proprio a lui, per evitare di assumere posizioni nette“.

E’ vero – aggiunge Musumeci -, siamo una Repubblica con forma di governo parlamentare. Ma nel 2018 c’é stata una coalizione che é arrivata prima e due altre che sono arrivate seconda e terza. Sarebbe cosa difficile da spiegare che all’opposizione va chi ha vinto le elezioni e al governo chi le ha perse. Peggio delle elezioni, che sono sempre motore della democrazia, é mettere in campo un governo contro il popolo. Anche perché quando i governi nascono solo dentro il Palazzo, alla fine durano poco e realizzano anche meno“, conclude il governatore della Sicilia.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.