Governo Musumeci: via libera alle Zes :ilSicilia.it

LE ZONE ECONOMICHE SPECIALI

Governo Musumeci: via libera alle Zes

di
8 Agosto 2019

Ultima tra le regione di Italia, la Sicilia, è pronta per attivare le proprie ZES (Zone Economiche Speciali).

Il 25 settembre, crisi di governo nazionale permettendo, dovrebbero essere elargite le somme per la progettazione: 250 milioni di euro per il Sud Italia in tre anni per benefici fiscali. Le zone economiche speciali sono aree specificamente perimetrate, non particolarmente estese, in cui scattano contributi, esenzioni fiscali e procedure amministrative semplificate per le attività imprenditoriali che vi hanno sede o che vi si insedieranno. Oggi a palazzo D’Orleans il presidente Musumeci,  il vicepresidente Armao e gli assessori Falcone, Bandiera e Cordaro hanno presentato le zone economiche speciali per la Sicilia.

Abbiamo a disposizione 5.580 ettari per rientrare nel perimetro massimo imposto dalla legge. Una percentuale dell 8,50% l’abbiamo messa a bando. Così ogni comune potrà dire quali sono le proprie esigenze e attraverso una graduatoria che terrà conto di precisi parametri si elaborerà una lista delle imprese vincitrici”. Racconta Musumeci in conferenza stampa.

Musumeci ha aggiungo che con le Zes si rendono “vantaggiosi gli investimenti in Sicilia attraverso il credito d’imposta per investimenti, sgravi fiscali, agevolazioni sul lavoro, ammortamenti per le aziende. In tre anni per il Mezzogiorno sono disponibili 250 milioni di euro per agevolazioni e 50 dovrebbero essere destinati alla Sicilia, ha proseguito. “Abbiamo lasciato quasi l’8,5% dei 5.580 ettari individuati a bando – ha spiegato – in modo che così ogni comune potrà dire quali sono le proprie esigenze e presentare un progetto poi sarà fatta una graduatoria. I comuni avranno 30 giorni di tempo per rispondere, in modo di arrivare al 25 settembre puntuali con la data fissata dal ministro Barbara Lezzi. Certo – ha sottolineato Musumeci – siamo preoccupati per le sorti del governo, perché secondo le dichiarazioni del ministro per il Sud Lezzi il 25 settembre si sarebbero sbloccate le agevolazioni, ma se ci fosse crisi di governo può far slittare la data. Per parte nostra ci auguriamo che arrivino nuovi investitori e quelli che già operano in Sicilia possano consolidare la loro presenza con nuovi investimenti e nuove assunzioni”.

 

Autorità portuale Palermo, foto vecchiaDiventerà Zes l’area del porto di Palermo. Era inserita anche l’area del prato che risulta però non utile e verrà sostituita dalle aree del rettorato e di palazzo Butera. L’idea è di far nascere un distretto culturale per le arti moderne. Zona economiche siciliane, anche l’area del mercato ortofrutticolo e della stazione San Polo. E poi ancora un’area di 89 ettari a Brancaccio e la zona industriale di Partanna Mondello dove ora ci sono la ex Coca Cola e l’Elenka.

decathlon coca colaA Termini Imerese è la zona del porto e la ex Fiat a essere stata identificata come Zes per un totale di 469 ettari. A Carini i vantaggi saranno nell’area industriale, in particolare dove nascerà il centro Rimed, per un totale di 326 ettari.

La giunta ha molto usufruito della possibilità di parcellizzare l’area Zes in varie micro-aree. E proprio questa è una delle critiche dei sindacati: “La logica iniziale – ha spiegato Claudio Barone, segretario regionale della Uil in una nota – era quella di valorizzare i porti, gli interporti e la aree limitrofe. Eppure nell’elenco delle future Zes sono finite aree di Enna e Caltanissetta. Segnale che c’è stata una eccessiva frammentazione, forse perché un pezzettino di territorio con sgravi e facilitazioni amministrative non si nega a nessuno. Noi però siamo favorevoli alle Zes e chiediamo anche di recuperare i ritardi degli anni scorsi per evitare che questa opportunità non sfruttata venga ceduta dal governo nazionale ad altre Regioni aumentando le loro Zes”.

IL DETTAGLIO DELLE ZONE:

La perimetrazione elaborata dalla cabina di regia e dal gruppo di lavoro interdipartimentale istituiti dal governo Musumeci per le Zes valorizza le aree produttive ed anche alcune aree interne, comunque strettamente connesse dal punto di vista economico e funzionale alle infrastrutture portuali esistenti e alle aree immediatamente contigue. Si è tenuto conto anche dell’esigenza di disporre di sufficienti aree libere per nuovi investimenti.

La Zes Sicilia occidentale vede incluse: le aree industriali di Aragona-Favara, Caltanissetta, Carini, Palermo-Brancaccio, Termini Imprese e Trapani e ancora il Porto di Palermo, il Porto e il retroporto di Termini Imprese, la Stazione Sampolo con il mercato ortofrutticolo di Palermo, la zona Palermo-Partanna Mondello, il porto di Trapani, l’aeroporto di Trapani Birgi, i porti di Mazara del Vallo, Licata e Porto Empedocle con il suo retroporto e i retroporti di Mazara, Marsala.

Nella Zes Sicilia orientale andranno le aree industriali di Gela, Paternò, Belpasso, Messina-Larderia, Villafranca Tirrena, Augusta-Melilli, Priogo Gargallo, Siracusa, Milazzo-Giammoro ed Enna e ancora il porto di Catania con il retroporto, l’Asi, l’interporto e Mas, Tremestieri, il retroporto di Milazzo, porto di Augusta, aeroporto di Comiso, l’interporto di Melilli, il porto di Pozzallo con il suo retroporto e infine il porto di Messina e la zona della fiera.

Il cammino delle Zes siciliane è iniziato nel marzo 2018 quando il governo Musumeci ha istituito una cabina di regia regionale con il compito di predisporre il piano di sviluppo e di individuare delle aree candidate alla inclusione nelle Zes in stretto raccordo con gli enti locali e le organizzazioni sindacali e datoriali. Nello scorso maggio l’ok del governo regionale alle linee guida per l’identificazione e la delimitazione della superficie disponibile che vede il 35% destinato alla Zes della Sicilia occidentale e il 65% alla Sicilia orientale.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.