16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.38

indiscrezioni su Palazzo d'Orleans

Rimpasto in giunta? Manlio Messina in bilico e spunta il nome di Cannella

26 Giugno 2019

Tra il toto-assessori e il rimpasto, che al momento il Presidente Musumeci tiene in stand by, a quanto pare esiste un problema e ha un nome e cognome: Manlio Messina. Il papabile uomo in giunta, voluto fortemente da Giorgia Meloni e dal suo partito Fratelli d’Italia, dovrebbe prendere il posto dell’ex assessore al Turismo della Giunta Musumeci, Sandro Pappalardo.

Il 5 giugno scorso l’esponente di Fratelli d’Italia della Sicilia orientale ha depositato sulla scrivania del Presidente la lettera di dimissioni, a seguito della sua nomina all’Enit, Ente nazionale per il Turismo. Una sostituzione di poltrona facile, a prima vista, in quanto il partito “assegnatario” di quell’assessorato dovrebbe essere sempre Fratelli d’Italia. Nomina, però, che stenta ad arrivare. E anche se il gruppo dirigente palermitano della Meloni sembra mettere la mano sul fuoco sul fatto che a giorni arriverà la nomina di Manlio Messina, in realtà ci sarebbe più che un mugugno da ambienti governativi della Sicilia orientale, ‘anafettivi’, se non apertamente gelidi, nei confronti del catanese Manlio Messina.

Una serie di dubbi, sotto l’Etna, tanto che il nome indicato da Fratelli d’Italia parrebbe non entusiasmare nemmeno il governatore Nello Musumeci. Poca fiducia nei confronti di Messina? Valutazioni personali negative? Domande che potrebbero essere smentite o accolte da governatore, in base al suo modo di muovere la scacchiera dell’assessorato al Turismo.

Nel frattempo, da qualche giorno, nei corridoi del palazzo, come  papabile assessore al posto di Pappalardo prenderebbe quota il nome di Giampiero Cannella, anche lui è di Fratelli d’Italia.

Cannella, giornalista, è stato deputato nazionale di AN e anche assessore e vicesindaco di Palermo con il centrodestra.

Tra i primissimi in Sicilia ad aderire a Fratelli d’Italia, se saltasse l’operazione Messina, il suo nome potrebbe mettere tutti d’accordo: potrebbe essere lui, infatti, l’uomo ben voluto dall’entourage di Musumeci, ma anche da settori del partito della Meloni e in grado di far superare l’impasse di questi giorni.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.