19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56

il 4 e 6 gennaio

Gran finale a bordo della “Elio” per la conclusione del festival “Onde Sonore”

3 Gennaio 2019

Si avvia alla conclusione “Onde Sonore”, la manifestazione musicale organizzata dal Gruppo Caronte&Tourist in occasione delle festività natalizie. Il 4 e il 6 gennaio, a bordo della Elio, ammiraglia della flotta C&T in navigazione tra le due sponde dello Stretto, gli ultimi due appuntamenti con la serata musicale intitolata “Te la dò io l’America” e successivamente la Festa della Befana per i bimbi.

Nella prima occasione a esibirsi a partire dalle 18,20 saranno: il noto chitarrista Umberto Porcaro, il cui curriculum è ricco di collaborazioni con artisti del calibro di BB. King e Buddy Guy; il pianista Johny Lee Chiavaro, definito dalla stampa specializzata il Jerry Lee Lewis Italiano; i ballerini della Sicania West Country Line Dance Academy fondata dall’insegnante Tiziana Nastasi, campionessa del mondo di Country Dance.

L’ultimo evento sarà la Festa della Befana per i più piccoli. I bimbi e le loro famiglie, dalle dieci del mattino e sino alle 18 circa, potranno passare una giornata speciale grazie a una festa ricca di giochi e travestimenti, che culminerà con la distribuzione dei regali portati dalla Befana.

Gli incassi dei concerti e delle feste per i bimbi, raddoppiati dal Gruppo Caronte&Tourist, saranno devoluti in beneficenza all’associazione “Liberi dalla Meningite”. Sponsor etico della manifestazione anche quest’anno “Posto Occupato”, iniziativa di sostegno e sensibilizzazione contro la violenza di genere.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.