Grande Migliore, arrivano i cinesi. I sindacati: "Tutelare i 20 ex dipendenti" :ilSicilia.it
Palermo

Uiltucs e Fisascat chiedono la tutela dei livelli occupazionali

Grande Migliore, arrivano i cinesi. I sindacati: “Tutelare i 20 ex dipendenti”

di
1 Febbraio 2018

Arrivano i cinesi nel negozio Grande Migliore di via Generale Di Maria che la società Gieco Srl aveva deciso di chiudere il 31 dicembre decretando il licenziamento dei suoi dipendenti. Adesso, a distanza di un mese, proprio nello stesso locale sta per aprire un nuovo punto vendita gestito da una società cinese. Si tratta della New Star, società amministrata da soci di origine cinese che in città hanno già aperto altri negozi a marchio Z&H.

Una buona notizia, quindi, per i lavoratori licenziati che potrebbero ritornare al lavoro, ma i sindacati temono che la nuova società non sia disposta a riassumerli.

Marianna Flauto
Marianna Flauto

Emblematico è a tal proposito il silenzio dell’azienda. Come spiegano Marianna Flauto e Mimma Calabrò, segretarie regionali rispettivamente della Uiltucs e della Fisascat Cisl “abbiamo già chiesto un incontro alla New Star e alla Milton, società appartenente alla famiglia Bellavia che ha in subaffitto l’immobile e che a sua volta ha subaffittato a New Star. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.

“Quello che appare – dicono Uiltucs e Fisascatè che probabilmente il meccanismo che queste aziende hanno messo in campo ha il preciso obiettivo di tentare di eludere le norme che prevedono la garanzia dei livelli occupazionali. Tutela che sono comunque riconosciute dalla legge. In assenza di una chiara e concreta disponibilità da parte della società alla salvaguardia dei lavoratori, saremo costretti ad attivarci presso le sedi competenti per garantire i diritti lesi e far emergere le eventuali violazioni della legge che si riscontreranno”. 

Mimma Calabrò
Mimma Calabrò

I sindacati chiedono, quindi, che “le autorità competenti intervengano affinché venga fatta chiarezza sulla vicenda, non si può permettere a queste aziende di assumere nuovi  lavoratori magari godendo dei benefici derivanti dagli sgravi fiscali e contributivi e allo stesso tempo di lasciare a casa i lavoratori che hanno diritto al mantenimento del posto di lavoro su quell’unità produttiva. L’assenza di controlli anche sulla regolarità dei rapporti di lavoro – concludono i sindacati – favorisce il proliferare di rapporti irregolari, di lavoro nero, il dumping contrattuale, condizioni spesso subite dai lavoratori per lo stato di bisogno in cui versano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin